Navigation

Un inasprimento che fa discutere la stampa europea

La stampa europea constata l'inasprimento della politica d'asilo svizzera Keystone

L'approvazione in Svizzera delle leggi sull'asilo e sugli stranieri ha avuto una certa eco nella stampa scritta europea, inquieta per le conseguenze.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 settembre 2006 - 14:00

Di fronte al problema dell'immigrazione, varie testate ritengono che l'esempio svizzero potrebbe fare scuola nel continente.

Il quotidiano spagnolo El Pais annuncia la notizia del voto svizzero in prima pagina e dedica poi all'interno del giornale una pagina intera al tema. Il titolo, «La Svizzera si chiude di fronte all'immigrazione», apre un articolo in cui si parla di «terremoto politico».

Il quotidiano francese Le Monde segnala nel titolo di un pezzo d'agenzia che «Gli svizzeri hanno adottato leggi sull'immigrazione molto severe».

Doccia fredda

La corrispondente dalla Svizzera del francese Figaro, Aude Marcovitch, afferma che il «maremoto elettorale» di domenica «indica nuovamente la tendenza del paese a ripiegarsi su di sé».

«La Svizzera chiude la porta a chiave», titola dal canto suo Libération. «È una doccia fredda, ad un anno appena dall'euforia del voto del 25 settembre» sull'estensione della libera circolazione delle persone ai nuovi paesi dell'Unione europea, afferma la corrispondente del giornale parigino Annick Stevenson.

In Germania, la Frankfurter Allgemeine nota che la Svizzera si è pronunciata in favore di una delle leggi d'asilo più severe d'Europa. Stessa osservazione fa la Süddeutsche Zeitung

Il quotidiano Die Welt tende invece a sdrammatizzare la situazione, criticando «l'isteria della sinistra» a proposito di una «legge ragionevole e relativamente priva di rischi». Dal canto suo, l'italiano Il Giornale parla di una «vittoria su tutta linea dell'esecutivo di destra».

Trionfo per Blocher

I giornali austriaci Der Kurier e Die Presse dedicano al voto svizzero analisi e reazioni. Der Kurier rileva che Christoph Blocher, il ministro di giustizia e polizia svizzero, è così al culmine della sua potenza. Die Presse parla di un «trionfo» per Blocher ed il suo partito dopo un «verdetto sorprendentemente chiaro».

I partiti di destra austriaci hanno immediatamente chiesto un inasprimento delle norme sull'immigrazione nel loro paese, scrivono i due giornali.

Il Times di Londra mette in evidenza che la revisione della legge sull'asilo è stata approvata nonostante i timori che i profughi non abbiano più accesso ad una procedura d'asilo giusta.

L'Indipendent ricorda che la revisione della legge sull'asilo ha ricevuto le critiche dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

«La luna di miele è finita per i richiedenti l'asilo», constata Nefail Maliqi del giornale kosovaro Bota Sot, che rappresenta la più importante comunità straniera in Svizzera, con 200'000 membri. «Non bisogna fare di ogni erba un fascio, confondendo lavoratori immigrati e qualche delinquente», si rammarica il giornalista basato a Ginevra.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Nuova legge sugli stranieri: accettata con il 68% di sì
Revisione della legge sull'asilo: accettata con il 68% di sì
Tasso di partecipazione: 48%

End of insertion

In breve

Domenica, i cittadini dovevano esprimersi su due referendum contro la legge sugli stranieri e la revisione della legge sull'asilo.

La legge sugli stranieri impone delle regole più rigide per l'ingresso e il soggiorno di stranieri extra-europei in Svizzera. In primo piano sono messe le esigenze dell'economia svizzera.

La revisione della legge sull'asilo ha come obiettivo di limitare gli abusi e l'ingresso nel paese di "falsi rifugiati". Il testo prevede un controllo più rigoroso dei documenti d'identità e l'esclusione dall'aiuto sociale dei richiedenti l'asilo la cui domanda è stata respinta.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?