Navigation

Partecipate alla discussione
Scienza
Sara Ibrahim  Tecnologia, società, intelligenza artificiale, digitalizzazione, etica, protezione dei dati, governance, identità e minoranze

Un "passaporto vaccinale" per la Covid-19 sarebbe utile per attività come viaggiare e frequentare bar e ristoranti? Quali sono secondo voi i limiti o i vantaggi di questa soluzione?

Nota editoriale: in seguito ai numerosi contributi dei lettori a questo argomento per molte settimane, abbiamo chiuso questo dibattito. Potete contribuire ad altre discussioni con i vostri commenti cliccando quiLink esterno. Se volete inviarci la vostra opinione o suggerire altre tematiche, vi preghiamo di inviarci una e-mail a italian@swissinfo.ch.


L'Unione Europea e gli Stati Uniti stanno valutando l'introduzione di un "passaporto" o di un "certificato" vaccinale che permetta di viaggiare in sicurezza e di muoversi più liberamente. Il governo israeliano, molto avanti nella campagna vaccinale, ha adottato un "Green Pass": chi lo possiede può frequentare bar e ristoranti senza alcuna restrizione. Una soluzione simile è in discussione anche in Svizzera. Cosa ne pensate?


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?