Navigation

Svizzeri e treno: passione ardente

Nella Confederazione il rapporto con la ferrovia è una pratica quotidiana per 1 milione e 300 mila viaggiatori Keystone

Nel 2001 ogni abitante della Confederazione ha preso il treno una quarantina di volte. Lo certifica l'Unione internazionale delle ferrovie.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 maggio 2003 - 17:32

Da nessun'altra parte in Europa il treno è utilizzato tanto. Nel mondo solo i giapponesi viaggiano in ferrovia più degli svizzeri.

Nella speciale statistica, stilata a livello mondiale dall'UIC, risulta che i giapponesi prendono mediamente il treno più volte l'anno degli svizzeri: 68 in Giappone, 45 in Svizzera.

Gli elvetici superano però, per la prima volta, i nipponici nella distanza media compiuta annualmente in treno: nella Confederazione se ne percorrono 1.923 chilometri; in Giappone 1.896.

Il raffronto con gli altri

Se nel mondo gli svizzeri dividono il primato dell'utilizzo della ferrovia con i giapponesi, a livello europeo non hanno rivali.

Nella classifica dell'utilizzo medio annuo, al secondo posto troviamo il Lussemburgo (con 32 corse per abitante) ed al terzo la Danimarca, con 29 corse. Seguono l'Austria (23), la Germania (21), l'Olanda (20), mentre in Italia il treno viene preso mediamente ogni anno otto volte.

Sempre in Europa, Paesi come Grecia, Moldavia, Serbia, Montenegro e Macedonia registrano una media annuale di una corsa in treno per abitante; l'Albania non arriva ad una e la Bosnia-Erzegovina addirittura nemmeno a metà.

Nelle percorrenze chilometriche medie in Europa, dietro la Svizzera troviamo la Bielorussia con 1.525 chilometri. Al terzo posto la Francia (1.209 chilometri), seguita da Ucraina (1.062), Danimarca (1.047) ed Austria (1.031 chilometri). Sotto i mille chilometri Paesi come Olanda (905), Germania (902), Russia (865), Italia (827).

I meno a viaggiare in Europa, con 13 chilometri, sono i cittadini della Bosnia-Erzegovina, che in treno percorrono una distanza di circa 150 volte inferiore a quella degli svizzeri.

Passione centenaria

Ma quali sono i fattori del successo della ferrovia nella Confederazione?

Werner Herger è il segretario per la Svizzera Italiana dell'Associazione Traffico e Ambiente (ATA): "In Svizzera c'è una tradizione ferroviaria che tuttora resiste. Inoltre i servizi sono ancora buoni. In altri Paesi i servizi ferroviari, ahimè, qualche pecca evidente la mostrano. Invece, in Svizzera è vero che sono un po' carucci, ma la cosa funziona benissimo".

I dati economici del settore

Tradizione più che centenaria, adattamenti legislativi, innovazioni tecnologiche, qualità del servizio e diffusione capillare della rete pubblica e privata sono i pilastri del successo delle ferrovie in Svizzera.

I dati economici del 2001 fanno stato di 471 milioni di viaggiatori trasportati lungo i 5.138 chilometri di linee, gestite da circa 37 mila dipendenti (50 mila nel 1975).

Un dato rilevante della rete ferroviaria elvetica è quello delle stazioni. Le imprese ferroviarie private ne hanno quasi il 40 % in più delle FFS: 1.098 contro le 740 dell'impresa ferroviaria nazionale.

Molti mezzi per spostarsi

Il ricorso ai mezzi pubblici è diffuso in Svizzera ed incoraggiato dalla politica dei trasporti della Confederazione.

Esaminando il comportamento della popolazione in materia di trasporto, emerge che gli gli abitanti della Confederazione privilegiano l'auto, con la quale quotidianamente compiono in media una distanza di 24,9 chilometri.

In treno la media indica che gli svizzeri compiono ogni giorno 5 chilometri ed altri 2,1 con altri mezzi di trasporto non specificati dal Servizio d'informazione per i trasporti pubblici (Litra).

La statistica indica poi che 1,7 chilometri sono quotidianamente percorsi a piedi, 1,3 coi mezzi pubblici cittadini, 900 metri in bicicletta, 700 in moto, 200 metri in autopostale e 100 in motorino.

Cifre indicative della mobilità e del rapporto degli svizzeri con i molteplici mezzi di trasporto a disposizione nella Confederazione.

swissinfo, Sergio Regazzoni

In breve

Svizzera in vetta alle classifiche internazionali sull'utilizzo del treno.

Lo certifica l'Unione internazionale delle ferrovie, che ha comparato i servizi ferroviari pubblici o nazionali del mondo intero.

Tra gli svizzeri ed i treni una passione più che centenaria.

End of insertion

Fatti e cifre

1.923 chilometri, la distanza media annuale percorsa in treno dagli svizzeri
471 milioni, i viaggiatori trasportati dalle ferrovie elvetiche nel 2001
5.138, i chilometri delle linee ferroviarie pubbliche e private nella Confederazione
5 chilometri, la distanza media compiuta quotidianamente da ogni svizzero in treno

End of insertion
In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?