Navigation

Sostegno svizzero alla formazione in Sudafrica

Il programma vuole migliorare la posizione dei giovani sudafricani sul mercato del lavoro swissinfo.ch

La Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) e le aziende svizzere intendono sostenere programmi per il miglioramento della formazione scolastica e professionale in Sudafrica. A questo scopo è stata creata una fondazione che avrà un budget annuo di due milioni di franchi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 febbraio 2001 - 13:39

La fondazione si propone di migliorare le opportunità dei giovani sul mercato del lavoro, ha detto venerdì a Berna Walter Fust, direttore della DSC. La realizzazione dei progetti sarà affidata a ditte private e organizzazioni non governative sudafricane. Questa iniziativa non vuole essere in alcun modo una risposta ad eventuali vicende di contatti con il regime dell'apartheid, ha precisato Fust. È la testimonianza di un impegno comune della Confederazione e dell'economia privata svizzera a favore di un'Africa stabile e più prospera.

«Vogliamo migliorare le possibilità dei giovani sul mercato del lavoro in Sudafrica, dove la disoccupazione riguarda ancora il 40 per cento della popolazione», ha precisato Anton Schrafl, vicepresidente del consiglio di amministrazione del Gruppo Holderbank Financière Glarus SA. La soluzione dei conflitti e la lotta contro la povertà sono obiettivi comuni dell'economia privata e delle strutture della cooperazione allo sviluppo, ha aggiunto.

Finora l'economia privata ha stanziato circa 5 milioni di franchi per cinque anni. La maggior parte della somma proviene da importanti industrie svizzere come la Ciba Specialità chimiche, il Gruppo Credit Suisse, la Novartis, la Schindler, l'UBS, la Swiss Re, la Sika Finanz SA e da due imprese affiliate sudafricane, la Alpha Ltd. Holderbank e la Xstrata South Africa Pty. Ltd. (Xstrata SA, Zugo). Anche la DSC verserà cinque milioni di franchi nell'ambito della sua cooperazione con il paese australe.

La fondazione finanzierà progetti per migliorare la formazione scolastica di base e la formazione professionale come, ad esempio, i corsi di perfezionamento per insegnanti nelle province povere, la formazione professionale accelerata per i disoccupati delle township, la costruzione di strutture scolastiche nelle zone rurali e l'acquisto del materiale scolastico necessario. La fondazione sarà presieduta da Ruth Mompati, fino a poco tempo fa ambasciatrice della Repubblica Sudafricana in Svizzera.

Le imprese svizzere e le loro filiali occupano attualmente il quarto posto nella graduatoria degli investitori esteri in Sudafrica. La DSC è attiva in Sudafrica dal 1981, prima quindi delle votazioni del 1994, le prime libere svoltesi nel paese. Dalla fine dell'apartheid la Confederazione sostiene con un contributo di circa 11 milioni di franchi l'anno progetti nei settori dell'amministrazione, delle riforme agrarie e della scuola elementare.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?