Navigation

Uniformare la scuola? Sì, ma non tutto

Nove svizzeri su dieci sono favorevoli al concordato intercantonale HarmoS. Il 58% non vuole però che i bambini siano costretti ad andare all'asilo da quattro anni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 novembre 2008 - 18:05

Stando a un sondaggio reso pubblico mercoledì, il 93% delle 1'000 persone interpellate è favorevole a un sistema scolastico unificato nei programmi di studio e nel livello di formazione degli insegnanti.

La ricerca demoscopica è stata effettuata per valutare il tasso d'adesione al concordato intercantonale HarmoS, messo a punto dai direttori cantonali dell'istruzione pubblica per armonizzare il sistema scolastico elvetico. In Svizzera, infatti, dispone di ampie competenze e di un grande margine di manovra in materia.

Non suscita invece molti consensi la proposta di fissare per tutti l'inizio della scuola materna a quattro anni, una proposta pure contenuta nel progetto HarmoS. Il 58% è contrario e il 72% vorrebbe fissare questo termine a cinque anni.

HarmoS ha subito un'importante battuta d'arresto il 28 settembre scorso, quando è stato respinto in votazione popolare nel canton Lucerna con il 61% di no. Il 30 novembre vi saranno votazioni nei cantoni di Zurigo, Grigioni, San Gallo e Turgovia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?