Navigation

Ex diplomatico svizzero condannato per corruzione

L'ex capo della cancelleria dell'ambasciata svizzera in Perù è stato condannato mercoledì dal Tribunale penale federale di Bellinzona per aver concesso visti in cambio di bustarelle.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 maggio 2010 - 12:03

L'uomo, un grigionese di 55 anni, è stato riconosciuto colpevole di corruzione passiva e falsificazione di documenti. Il Tribunale penale federale lo ha condannato a 120 aliquote giornaliere di 160 franchi (19'200 franchi), sospese con la condizionale, nonché al pagamento delle spese procedurali (12'000 franchi).

L'ex segretario d'ambasciata è stato attivo a Lima per quattro anni, dal marzo del 2001 al settembre del 2004. Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha accusato l'ex diplomatico di avere concesso in nove occasioni visti a cittadini peruviani anche se non adempivano le condizioni per entrare in Svizzera. Per ogni visto avrebbe ricevuto circa 1500 dollari. In due casi i visti furono rifiutati nonostante le assicurazioni fornite dal segretario al suo successore.

Il Dipartimento federale degli affari esteri aveva denunciato il caso al MPC dopo che al suo successore era stato offerto del denaro per l'ottenimento di visti. Il grigionese venne arrestato il 7 marzo 2005 e trattenuto in detenzione preventiva per tre settimane.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?