Navigation

Sentore di record per la società SGS

Il nuovo patron di SGS, Chris Kirk, ha confermato gli obiettivi del gruppo per il 2007 Keystone

Durante il primo semestre dell'anno il fatturato della società ginevrina SGS è aumentato a oltre 2 miliardi di franchi. Il risultato è in linea con le previsioni del gruppo per il 2007.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 luglio 2007 - 11:44

Anche l'utile del numero uno mondiale dell'ispezione e della certificazione è in aumento. Tuttavia i risultati deludono gli analisti e lunedì mattina il titolo di SGS perdeva terreno alla Borsa svizzera.

A tassi di cambio costanti, l'aumento delle vendite registrato da SGS (Société générale de surveillance) è dell'11,5%, si legge in un comunicato diffuso lunedì. L'utile netto è dal canto suo salito del 17% a 234 milioni di franchi e il risultato operativo (Ebit) del 15,3% a 324 milioni di franchi.

Gli analisti considerano le vendite soddisfacenti ma non nascondono una certa delusione per gli utili conseguiti che prospettavano migliori. Essi avevano infatti previsto in media un giro d'affari di 2,07 miliardi di franchi, un Ebit di 331 milioni e un utile netto di 235 milioni.

Lunedì mattina il titolo del gruppo registrava così un calo del 2,1% alla Borsa svizzera a 1479 franchi, mentre l'indice SMI (Swiss Market Index) progrediva dello 0,56%.

Investimenti

Nel periodo in rassegna sei divisioni su dieci hanno segnato un aumento del giro d'affari superiore a dodici punti percentuali. In generale, la società ginevrina ha beneficiato di buone condizioni in tutte le regioni.

I servizi per il settore petrolifero, del gas e chimico hanno conseguito ricavi per 434 milioni di franchi, in progressione del 16% rispetto ai primi sei mesi del 2006. Le regioni più dinamiche sono state l'Est europeo, il Medio Oriente, il Nordamerica e il Sudest asiatico.

La divisione ha continuato a investire nel periodo in esame, costituendo diversi nuovi laboratori in Asia e in Medio Oriente. L'Ebit ha compiuto un balzo del 25,6% a 65 milioni di franchi. Il margine operativo è passato dal 13,9 al 15%.

Sicurezza degli alimenti

La divisione Consumer Testing - il secondo pilastro del gruppo in termini di ricavi - ha messo a segno una crescita del fatturato del 12,3% a 311 milioni di franchi. Le attività nel comparto alimentare hanno approfittato di nuovi contratti negli Stati Uniti e in Germania.

Il futuro sembra promettente, viste le tendenze osservate sul mercato americano, nell'Unione europea e in Giappone, rileva la SGS. I governi stanno infatti accrescendo gli sforzi nel campo della sicurezza degli alimenti. L'utile operativo si è avvicinato ai 69 milioni di franchi, segnando un incremento del 7,5%. Il margine Ebit è diminuito dal 23 al 22,1%.

La crescita è stata ancora più forte nel settore dei servizi industriali, dove le entrate sono salite del 24,2% a 298 milioni di franchi. Di tale incremento, 19 punti percentuali sono dovuti alla crescita interna, il resto ad acquisizioni.

Futuro della società

Per quanto riguarda il futuro, il gruppo conferma i suoi obiettivi per il 2008: vendite per 5 miliardi di franchi e un margine operativo del 17%. "I risultati previsti per il 2007 dovrebbero permetterci di realizzare i nostri scopi", aggiunge SGS.

Kirk si è inoltre espresso riguardo l'uscita di SGS dallo Swiss Market Index per lo Swiss Leader Index (SLI), annunciata per quest'autunno.

La reazione immediata è stata piuttosto negativa, ha ammesso il nuovo direttore del gruppo. Ma col tempo la società si è resa conto che questa ristrutturazione non le causerà alcun problema.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Nel 2006 la SGS ha registrato un utile netto di 443 milioni di franchi, in crescita del 19,4% rispetto all'anno precedente.
Il fatturato ha raggiunto i 3,8 miliardi (+15,5%).
Nel primo trimestre del 2007, SGS ha registrato un fatturato di 2,089 miliardi ((+13,2%), un Ebitda di 418 milioni (+15,2%9 e un utile prima della deduzione delle imposte di 324 milioni.

End of insertion

In breve

La SGS – Società Generale di Sorveglianza – è una delle più grandi società al mondo per il controllo e la certificazione dei prodotti in commercio.

È presente in 130 paesi con 49'000 dipendenti e un migliaio di uffici.

La società, basata ora a Ginevra, è stata fondata a Rouen (Francia) nel 1878 quale organo di verifica dei cereali provenienti via mare.

Registrata a Ginevra nel 1919, dal 1985 è quotata nella Borsa svizzera.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?