Navigation

Scoperto un nuovo "codice genetico"

Ricercatori elvetici hanno individuato una sorta di nuovo codice genetico, che permette di definire la velocità con la quale le cellule producono le proteine. Una scoperta che potrebbe migliorare la vita dei diabetici.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 aprile 2010 - 12:25

Ogni cellula contiene una copia del patrimonio genetico, costituito da DNA, spiega l'Istituto svizzero di bioinformatica. A partire da queste informazioni, la cellula è in grado di produrre proteine essenziali per la sua crescita e il suo metabolismo.

Questo codice genetico, conosciuto sin dagli anni '60 del secolo scorso, definisce quale frammento di DNA è responsabile di una data proteina. Ricercatori del Politecnico federale di Zurigo e dell'Istituto di bioinformatica hanno ora scoperto un nuovo tipo di codice, che stabilisce la velocità di produzione delle proteine.

La scoperta, scrivono i ricercatori sulla rivista specializzata Cell, potrebbe contribuire a fabbricare medicamenti più efficaci. Ad esempio, si potrebbe aumentare la velocità di produzione dell'insulina (vitale per i diabetici) a partire da batteri o lieviti geneticamente modificati.

Inoltre, il codice potrebbe fornire nuove informazioni sulle cellule e sulle loro strategie in casi di emergenza. Le cellule devono ad esempio reagire rapidamente ai danneggiamenti del DNA o ai veleni quali l'arsenico, spiega Gina Cannarozzi, responsabile dello studio.

Attraverso l'analisi del nuovo codice si potrà ora facilmente stabilire quale proteina è prodotta in questi casi. Finora, tali informazioni potevano essere raccolte soltanto con esperimenti costosi.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?