Navigation

Nucleare: sicurezza solo "sufficiente" in due centrali

La sicurezza nelle centrali atomiche di Beznau, nel canton Argovia, e di Gösgen, nel canton Soletta, è soltanto "sufficiente". L'ente federale di controllo ha corretto verso il basso le sue valutazioni, dopo due incidenti verificatesi lo scorso anno.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 maggio 2010 - 13:21

Per la popolazione non vi sono stati pericoli di sorta, ha precisato mercoledì in una conferenza stampa a Berna l'Ispettorato federale della sicurezza nucleare (IFSN).

Il declassamento di Beznau è consecutivo alla dose d'irradiazione "inammissibile" alla quale sono stati esposti due collaboratori il 3 agosto 2009. La gravità di questo incidente è stata classificata dall'IFSN al livello 2 della pertinente scala internazionale INES, che va da 0 a 7.

Circa la centrale di Gösgen, l'IFSN critica il modo con cui è stato trattato un ripetuto errore. L'Ispettorato ha classificato questo avvenimento al livello 1 della scala INES. Si rileva pure come questo ripetuto errore, verificatosi nel giugno del 2008, sia stato notificato all'IFSN soltanto nel marzo del 2009. Il ritardo è stato denunciato all'Ufficio federale dell'energia, competente in materia.

L'IFSN critica anche la qualità di certi rapporti e documenti della centrale nucleare di Gösgen. Per tutti questi motivi, l'IFSN ha definito solo "sufficiente" la sicurezza di questa centrale nucleare.

I rimanenti 25 incidenti, intervenuti lo scorso anno e descritti nei rapporti annuali 2009 dell'IFSN, sono di debole importanza per la sicurezza, tanto che sono stati classificati tutti al livello 0 della scala INES. Di tutti gli incidenti, 22 sono stati notificati nelle centrali nucleari, di cui 11 a Beznau, 3 a Gösgen, 4 a Leibstadt e 4 a Mühleberg. Altri 3 avvenimenti sono stati rilevati nel Centro d'immagazzinamento intermedio di Würenlingen e 2 negli impianti nucleari dell'Istituto Paul Scherrer.

La quantità delle sostanze radioattive immesse nell'ambiente dei siti degli impianti nucleari - sottolinea ancora l'IFSN nei suoi rapporti - è rimasta ampiamente inferiore ai valori limite fissati dalle autorità. La radioprotezione della popolazione è sempre stata garantita.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?