Navigation

Schede dello Stato ficcanaso segretate per i prossimi 50 anni

Lo scandalo dello Stato ficcanaso scoppiò il 24 novembre 1989 provocando una forte reazione popolare e manifestazioni di protesta come quella dell'immagine avvenuta a Berna il 3 marzo del 1990 Keystone Archive

La vicenda delle schedature è definitivamente chiusa. Dal prossimo 1. marzo non sarà più possibile consultare i documenti del Ministero pubblico della Confederazione: saranno archiviati e per 50 anni non potranno più essere visionati.

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 gennaio 2001 - 11:56

Il Consiglio federale avrebbe voluto che, una volta terminata la consultazione, fossero distrutti, ma il Parlamento ha deciso diversamente: per mezzo secolo i documenti in materia di sicurezza dello Stato rimarranno al riparo da qualsiasi occhio indiscreto, compreso quello dell'amministrazione.

Undici anni orsono - era il 24 novembre 1989, la Svizzera apprendeva con sconcerto che nei locali della Procura federale erano custodite 900 mila schede di persone e organizzazioni che negli anni precedenti erano state sorvegliate, assai sovente in modo abusivo.

A scoperchiare la pentola fu la Commissione parlamentare d'inchiesta (CPI) istituita per far luce sulla vicenda Kopp- Shakarchi, sfociata nelle dimissioni della ministra di giustizia e polizia Elisabeth Kopp. Ci fu un moto di forte disapprovazione, venne creato un «Comitato contro lo Stato ficcanaso» (nel frattempo sciolto), ma poi col tempo all'indignazione è subentrata l'indifferenza.

Oggi la Polizia federale dispone di uno schedario elettronico (ISIS) in cui sono registrate 42.000 persone, fra cui circa 600 svizzeri. La polizia che sorveglia le attività politiche, dal 1990 non dovrebbe più esistere. Oramai vengono raccolte informazioni solo in rapporto a un quadro di minaccia che le autorità politiche hanno accettato come tale.

La Bupo, ad esempio, ha il compito di «tenere d'occhio» gli ambienti dell'estrema destra, ritenuti un pericolo per la sicurezza del paese a causa del suo potenziale di violenza.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?