Navigation

SARS: Svizzera prudente

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 giugno 2003 - 12:02

Anche se l'epidemia di Sars sta dando segni di rallentamento, il Consiglio federale rimane vigile.

Per questo motivo, l'esecutivo ha prolungato fino alla fine dell'anno l'ordinanza del primo aprile 2003 che conferisce all'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) poteri speciali per salvaguardare la salute della popolazione in caso d'emergenza.

La validità dell'ordinanza era sinora limitata a tre mesi.

Le disposizioni adottate dall'esecutivo nell'aprile scorso in concomitanza con l'allarme dato dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), precisa una nota dell'UFSP, davano a questo ufficio la competenza di negare il permesso di lavorare in Svizzera a persone provenienti da regioni minacciate dalla SARS.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?