Navigation

Violenza contro la polizia: chieste pene più severe

La violenza nei confronti delle forze dell'ordine continua a crescere: lo denuncia la Federazione svizzera dei funzionari di polizia (FSFP), che ha trasmesso al Consiglio federale e alle due Camere del parlamento una petizione volta a reintrodurre delle pene detentive per coloro che minacciano o aggrediscono le autorità.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 novembre 2009 - 16:43

Lo scorso anno, sono stati recensiti oltre 2'000 casi di violenza e intimidazioni, ossia un aumento del 160% rispetto al 2000, ha spiegato il presidente dell'associazione Heinz Buttauer in una conferenza stampa a Berna. In nove casi su dieci ad essere coinvolti erano proprio dei poliziotti.

«Bisogna forse aspettare che in Svizzera un agente venga gravemente ferito o perfino ucciso prima di riconoscere che la polizia non deve diventare un bersaglio offerto agli hooligan o ai criminali?», ha chiesto laconico Heinz Buttauer.

Il segretario generale dell'FSFP, Max Hofmann ha portato l'esempio di un'aggressione avvenuta il mese scorso nella stazione di Bex, nel canton Vaud. Due giovani di 15 e 17 anni hanno attaccato un poliziotto durante un normale controllo di identità.

Secondo l'FSFP, per ottenere un effetto dissuasivo, devono essere applicate «pene esemplari» per dei delitti che non sono affatto «minori»: «È l'unico modo per lo Stato di riconquistare il rispetto della gente e di meglio proteggere i propri collaboratori».

Forte di 23'000 membri, la FSFP chiede in particolare di reintrodurre delle pene detentive di corta durata, sostituite nel 2007 con delle pene pecuniarie.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?