Navigation

UBS-FINMA: commissione parlamentare d'inchiesta

L'ufficio del Consiglio nazionale, con 9 voti contro 4, ha deciso di sollecitare l'istituzione di una Commissione parlamentare d'inchiesta (CPI) sulle questioni fiscali e finanziarie.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 febbraio 2010 - 18:37

L'annuncio è stato dato dalla presidente dell'Assemblea federale Pascale Bruderer. Con questa decisione, l'ufficio risponde alle richieste delle commissioni dell'economia e delle finanze.

La decisione è stata presa dopo aver ascoltato la presidente della Confederazione Doris Leuthard. L'ufficio è intenzionato a preparare un'iniziativa da sottoporre al parlamento. Il testo dovrebbe fissare le grandi linee del mandato da affidare alla CPI.

Crisi finanziaria, UBS e relazioni internazionali: la CPI sarà chiamata a valutare l'operato del Consiglio federale, dell'amministrazione e dell'Autorità federale di sorveglianza dei mercati finanziari (FINMA). Dovrà inoltre dare un giudizio sulle decisioni della Banca nazionale in merito alla sorveglianza e alla regolamentazione del settore finanziario.

L'obiettivo è di fare luce sulle circostanze che hanno portato, nel febbraio del 2009, alla consegna di 285 dossier di clienti di UBS agli Stati uniti. Altro punto da chiarire: il modo in cui si è arrivati all'accordo del 19 agosto tra Berna e Washington, accordo che – stando al Tribunale amministrativo federale – promette agli USA un'assistenza amministrativa «illegale».

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?