Navigation

Sgravi fiscali per le famiglie solo dal 2011

Le famiglie beneficeranno di uno sconto sulla fattura dell'Imposta federale diretta e di una deduzione fiscale per spese di custodia a partire dal 2011. Lo ha deciso mercoledì il Consiglio nazionale, eliminando le divergenze che sussistevano nei confronti della Camera alta.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 settembre 2009 - 16:19

Dopo molti anni di attesa e di promesse, il parlamento ha finalmente deciso di fare un gesto nei confronti delle famiglie. Dal 2011 la fattura dell'imposta federale diretta (IFD) sarà ridotta di 250 franchi per figlio o persona a carico. Un importo superiore quindi ai 170 franchi proposti inizialmente dal governo e approvati in un primo tempo dal Consiglio degli Stati. In cambio, le Camere federali hanno deciso di diminuire da 12'000 a 10'000 franchi la deduzione fiscale per le spese di custodia dei figli.

I due rami del parlamento hanno trovato un accordo anche sulla data di applicazione degli sgravi fiscali in favore delle famiglie. Dopo aver difeso l'introduzione delle nuove misure già dall'anno prossimo, il Consiglio nazionale ha per finire accettato di rinviare l'entrata in vigore fino al 2011. Gli sgravi comporteranno un minor gettito fiscale pari a circa 600 milioni di franchi all'anno per la Confederazione e per i cantoni.

Le due modifiche approvate mercoledì rappresentano soltanto una prima tappa in vista di una riforma più ampia, in cantiere da molti anni, che dovrebbe sfociare nell'introduzione della tassazione individuale. Solo in tal modo potrebbero venir definitivamente soppresse le discriminazioni fiscali che sussistono tuttora per le persone sposate rispetto ai concubini.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?