Navigation

Sessione speciale per il Consiglio nazionale

La Camera bassa del parlamento svizzero si riunisce da lunedì per quattro giorni per far progredire vari dossier in sospeso.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 aprile 2009 - 10:01

Il Consiglio nazionale dovrà in particolare occuparsi della legge federale sugli ostacoli tecnici al commercio, già approvata dal Consiglio degli Stati. L'introduzione del cosiddetto principio del "Cassis de Dijon" mira a ridurre i prezzi dei prodotti importati dall'Unione Europea.

Un altro tema all'ordine del giorno – e destinato pure ad alleviare la pressione sul portamonete dei cittadini – è la compensazione degli effetti della progressione a freddo, ossia quando un contribuente è sottoposto a un'aliquota fiscale più alta solo perché il suo salario è stato adattato al rincaro.

Nella sessione speciale si parlerà anche di sicurezza, in particolare dell'introduzione di un allarme in caso di rapimento di minorenni, e di misure di lotta contro il terrorismo.

I deputati dovranno pure esaminare il controprogetto all'iniziativa popolare "Acqua viva". Il testo preparato dalla Camera alta prevede di rivitalizzare 4'000 chilometri di corsi d'acqua.

Infine, si discuterà pure della nuova legge sul contrassegno autostradale. Il prezzo della vignetta dovrebbe restare invariato a 40 franchi all'anno. Alcuni deputati chiedono tuttavia di portarlo a 120 franchi, con una variante di 40 franchi valida due mesi.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?