Navigation

Lanciate tre nuove iniziative popolari

È partita la raccolta di firme per portare alle urne tre oggetti: l'elezione da parte del popolo del Consiglio federale, gli sgravi fiscali alle famiglie che accudiscono i figli a casa e il rifiuto di rimborsare le spese sanitarie per gli aborti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 gennaio 2010 - 14:25

Le prime due iniziative sono promosso dall'Unione democratica di centro (destra nazional-conservatrice). L'ultima, dagli ambienti contrari all'aborto.

Gli iniziativisti hanno tempo fino al 26 luglio 2011 per depositare le 100'000 firme necessarie alla riuscita delle tre iniziative popolari. Il termine è stato pubblicato martedì nel Foglio federale.

Annunciate da tempo, le iniziative dell'UDC propongono l'elezione del governo da parte del popolo, con scrutinio maggioritario (due seggi sarebbero riservati alla minoranza latina) e deduzioni fiscali per i genitori che badano essi stessi ai figli. Secondo l'UDC, gli sgravi per la custodia dei figli, accordati solo a chi fa ricorso a strutture esterne, come gli asili nido, rappresentano una disparità di trattamento ingiustificata.

La terza iniziativa, sostenuta da esponenti dell'UDC, del Partito popolare democratico, del Partito evangelico e dell'Unione democratica federale, chiede che gli aborti e le riduzioni embrionali non siano più coperti dall'assicurazione malattia di base. Questo tipo d'operazione dovrebbe essere a carico del paziente.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?