Navigation

Israele: auguri svizzeri su sfondo polemico

Il presidente della Confederazione Pascal Couchepin ha felicitato Israele in occasione dei 60 anni dalla sua creazione, sottolineando che il popolo israeliano «può essere fiero di aver creato uno Stato democratico e prospero».

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 maggio 2008 - 18:37

In una lettera indirizzata al presidente israeliano Shimon Peres, Couchepin assicura il sostegno della Svizzera nella ricerca di una pace durevole tra Israele e tutti i suoi vicini.

Evocando «i rapporti tradizionalmente buoni tra i due paesi», si legge in una nota del Dipartimento federale dell'interno (DFI), Couchepin rammenta che la creazione dello Stato d'Israele ha un legame storico con la Confederazione.

In risposta alla politica elvetica nella regione Mediorientale, ed in particolare alla visita della ministra degli esteri Micheline-Calmy Rey in Iran, Israele non ha tuttavia invitato il Consiglio federale a partecipare alle cerimonie del sessantesimo. Sarà presente unicamente l'ambasciatore elvetico a Tel Aviv.

Il Consiglio federale - si legge nel comunicato del DFI - è fermamente convinto che i legami d'amicizia tra Israele e la Svizzera si risalderanno ulteriormente nel corso dell'anno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?