Navigation

Il servizio civile è meno attrattivo

Il numero di giovani che intendono lasciare la scuola reclute per il servizio civile è diminuito nel 2010 rispetto all’anno precedente. Il calo è da ricondurre alle misure dissuasive introdotte dal governo svizzero in febbraio.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 luglio 2010 - 17:49

Le nuove disposizioni prevedono che le richieste per il trasferimento al servizio civile vengano evase soltanto dopo quattro settimane. Sembra sia questo il motivo della riduzione di tali domande, almeno è ciò che afferma il portavoce del Dipartimento della difesa Martin Bühler.

Dopo l'inizio della leva, le domande di trasferimento sono infatti scese a circa un terzo di quelle del 2009: a metà luglio 2010 erano soltanto 53 invece delle 162 dell'anno precedente.

All’indomani dell’abolizione dell’esame di coscienza (1. aprile 2009), il numero di richieste è notevolmente aumentato. Fino al 2008, si situavano tra 1'200 e 2'000 all’anno, da inizio aprile 2009 a fine marzo 2010 sono invece state 8'589, di cui 98% accolte.

Prima dell’introduzione della nuova legge, i giovani svizzeri che preferivano effettuare il servizio civile al posto di quello militare dovevano giustificare le ragioni del loro rifiuto di servire sotto le armi per iscritto e oralmente davanti a una commissione.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?