Navigation

Hans-Rudolf Merz a Budapest

Il presidente della Confederazione Hans-Rudolf Merz ha partecipato sabato, su invito del governo ungherese, ai festeggiamenti per il ventesimo anniversario della caduta della cortina di ferro.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 giugno 2009 - 13:03

Nel suo discorso, pronunciato durante la commemorazione ufficiale nel palazzo del Parlamento, il ministro svizzero delle finanze ha affermato che «i nostri figli e i nostri nipoti faticano a immaginare che cosa ha significato quell'evento».

Merz, che all'epoca aveva 14 anni, ha poi aggiunto di «avere chiaramente percepito che i cittadini dell'Europa orientale lottavano per valori comuni a quelli degli svizzeri, segnatamente l'indipendenza e la libertà delle persone».

Il consigliere federale ha concluso il suo intervento auspicando che l'entusiasmo e l'ottimismo di quel periodo possano manifestarsi anche oggi, in piena crisi economica e finanziaria.

Il 27 giugno di 20 anni fa l'Ungheria aprì le sue frontiere d'intesa con l'Austria permettendo soprattutto a cittadini dell'ex DDR di fuggire a ovest. Il 9 novembre 1989 la caduta del muro di Berlino segnò la fine della cortina di ferro.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?