Navigation

Dove vanno processati i criminali di guerra?

Secondo il principio della giurisdizione universale, crimini quali il genocidio sono talmente atroci che possono essere giudicati ovunque, indipendentemente dal luogo in cui sono stati commessi. È giusto che un paese possa processare un criminale di guerra anche se non ha commesso alcun crimine sul suo territorio?

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 dicembre 2012 - 11:00

Dalla fine della Seconda guerra mondiale, più di 15 paesi hanno esercitato la giurisdizione universale. Alcuni oppositori a tale procedura sostengono però che si tratta di una violazione della sovranità di ogni Stato e che la procedura rischia di degenerare con processi farsa. Tutti i paesi devono aver la possibilità di avviare un procedimento indipendentemente dal luogo del crimine e della nazionalità del criminale o della vittima? Oppure i criminali di guerra vanno processati nei loro paesi o di fronte a tribunali nazionali e internazionali? Dite la vostra.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?