Navigation

25'000 firme per i diritti umani in Cina

Una ventina di parlamentari svizzeri hanno inviato martedì una petizione munita di 25'176 firme al primo ministro cinese Wen Jiabao per chiedere il rispetto dei diritti umani.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 giugno 2008 - 11:42

Lanciata da Amnesty International, la petizione era stata rifiutata dall'ambasciata cinese a Berna. La missione diplomatica voleva addirittura distruggerla, si legge in un comunicato di Amnesty.

In seguito a questo episodio, una ventina di deputati del Partito popolare democratico (centro), del Partitolo liberale radicale (centro-destra), del Partito socialista e dei Verdi hanno accettato di aderire all'azione dell'organizzazione a difesa dei diritti umani per fare pressione sui vertici di Pechino.

«Con questa petizione vogliamo rammentare alle autorità cinesi che in occasione dell'attribuzione dei Giochi hanno promesso di migliorare il rispetto dei diritti dell'uomo», sottolinea Amnesty. «A poco tempo dall'inizio delle Olimpiadi la situazione non si è invece migliorata. Al contrario, il governo cinese ha intensificato la repressione».

La petizione "Pechino 2008: un podio per i diritti umani" chiede l'abolizione della pena di morte, la chiusura dei "campi di rieducazione", la liberazione dei difensori dei diritti umani e la fine della censura su internet.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?