Navigation

Parte dei proventi delle vendite d'oro della BNS deve andare ai Cantoni

L'oro della Banca nazionale fa gola anche ai Cantoni Keystone

È quanto richiesto dalla Conferenza dei direttori delle finanze cantonali, i quali intendono utilizzare questo denaro per la riduzione dei debiti cantonali e federali. La Fondazione Svizzera solidale non è in discussione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 giugno 2000 - 17:20

I «ministri» delle finanze cantonali, riuniti venerdì a Berna, si sono anche schierati contro il progetto del governo che desidera trasferire al parlamento la competenza di decidere sulla sorte delle 1300 tonnellate d'oro eccedentario custodito nei forzieri della Banca Nazionale Svizzera (BNS).

I cantoni non contestano l'attribuzione di 500 tonnellate alla Fondazione Svizzera solidale. Tuttavia non sono pronti a rinunciare alla loro fetta di torta, ossia parte del ricavato della vendita delle 800 tonnellate rimanenti, tanto più che la Costituzione prevede che due terzi del ricavato debbano essere versati ai cantoni.

L'11 maggio scorso l'esecutivo aveva presentato due progetti di ripartizione: uno prevedeva che il ricavato venisse versato ai cantoni e alla Confederazione per l'alleggerimento dei rispettivi debiti, mentre l'altro propettava il versamento a favore di formazione e Avs.

Sebbene la legge non specifichi la destinazione di questo denaro, i cantoni propendono per la prima soluzione adombrata dal Consiglio federale.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?