Navigation

Palestinesi e arabi manifestano a Berna contro la politica repressiva di Israele

La manifestazione filo-palestinese si è svolta nella calma Keystone

Partiti dalla piazza antistante Palazzo Federale, i dimostranti - 600 secondo la polizia - si sono diretti verso l'ambasciata israeliana, circondata da un imponente cordone di sicurezza.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 ottobre 2000 - 11:38

La manifestazione autorizzata di sostegno al popolo palestinese. si è svolta sabato senza incidenti.

Al grido «Israele assassino» e «Liberiamo la Palestina» i manifestanti hanno denunciato le azioni dello Stato ebraico contro i palestinesi. I dimostranti, in maggioranza palestinesi e arabi residenti in Svizzera, hanno stigmatizzato la passività della comunità internazionale e dei partiti politici svizzeri, che su questi avvenimenti hanno preferito non esprimersi.

Brandendo bandiere libanesi e palestinesi, come pure fotografie del giovane palestinese ucciso due giorni fa da soldati israeliani, i manifestanti hanno chiesto l'apertura di un'inchiesta internazionale per determinare i responsabili delle violenze.

La polizia bernese, in tenuta da combattimento, ha circondato la rappresentanza israeliana con un imponente cordone di sicurezza. Il corteo, inquadrato dal proprio servizio d'ordine, si è avvicinato alla sede diplomatica senza causare problemi.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?