Navigation

Nestlé in leggero calo

La multinazionale svizzera ha chiuso il primo semestre 2009 in calo: rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso c'è stata una riduzione della cifra d'affari e dell'utile netto.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 agosto 2009 - 09:06

Il fatturato del gruppo alimentare con sede a Vevey (Vaud) è calato dell'1,5% a 52,27 miliardi di franchi; l'utile netto è sceso a 5,1 miliardi di franchi (5,2 miliardi nei primi sei mesi del 2008), un valore che rimane tuttavia al di sopra delle previsioni degli analisti.

La crescita organica si è attestata al 3,5%. Sull'andamento delle vendite ha inciso in particolare l'effetto del rafforzamento del franco nei confronti di altre valute, puntualizza Nestlé in un comunicato. A livello operativo, il risultato (EBIT) è cresciuto a 7,4 miliardi di franchi.

L'unica divisione a presentare una crescita organica negativa è quella delle acque minerali. Il consumo di acqua in bottiglia è al centro di una polemica a causa del suo impatto ambientale.

Tra i mercati in crescita, rileva Nestlé, vi sono gli Stati Uniti, il Brasile e il Messico.

Per la seconda metà dell'anno la multinazionale prevede un'accelerazione della crescita e un miglioramento del margine operativo.

swissinfo.che e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?