Navigation

Natale anche per i più bisognosi

Regali raccolti dalla Posta, distribuiti dalla Croce Rossa Keystone Archive

Per il sesto anno consecutivo ha preso avvio l'azione "Due volte Natale", un'iniziativa della Posta, della SRG SSR idée suisse e della Croce rossa svizzera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 dicembre 2002 - 12:16

Fino al 7 gennaio gli uffici postali accetteranno gratuitamente pacchetti regalo per i bisognosi.

I doni raccolti saranno distribuiti in parti uguali in Svizzera e nell'Europa dell'Est. Particolarmente benvenuti sono articoli di toilette, quaderni e materiale per scrivere, scarpe per bambini, giocattoli e alimenti non deperibili.

In Svizzera i doni saranno distribuiti dalle sezioni cantonali della Croce Rossa Svizzera (CRS) ad istituti per bambini, dormitori d'emergenza e a strutture di accoglienza per drogati. L'aiuto all'estero si concentrerà invece sulle famiglie povere in Albania, Bulgaria e Romania.

Oggetti utili

Ogni anno i record di pacchetti aumenta: nel 2001 sono stati 65.000. "In Bulgaria lavoriamo con le scuole, spiega il portavoce della Croce Rossa Karl Sculer. I nostri sforzi si concentrano quest'anno in Albania", prosegue.

"Sono state scelte le persone più vulnerabili, spesso anziani che vivono nella povertà, senza parenti che li possano aiutare. Le loro pensioni non bastano nemmeno per nutrirsi. Poi ci sono anche molte famiglie numerose."

Apprezzato il volontariato, anche in Svizzera

In Svizzera i pacchetti dono sono distribuiti, nel mese di febbraio, essenzialmente a famiglie bisognose e a persone che vivono ai margini della società e spesso in istituti.

In Bielorussia invece non è sicuro che l'azione due volte Natale possa aver luogo quest'anno, come in passato. Problemi di importazione delle derrate alimentari bloccano per il momento il programma.

L'azione "2x Natale" continua fino al 7 gennaio.


swissinfo

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?