Navigation

Migliaia di richieste per gli averi dimenticati nelle casse pensioni, pochi i risultati concreti

La Centrale per gli averi del secondo pilastro «dimenticati» da stranieri rientrati in patria sta lavorando a pieno regime. In funzione da 14 mesi, la Centrale ha esaminato circa 60 000 domande, per lo più provenienti da italiani.

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 luglio 2000 - 17:16

Averi in giacenza sono stati ritrovati solo in 700 casi. La maggior parte delle domande concerneva infatti relazioni di lavoro risalenti al periodo dal 1970 al 1980, mentre il II pilastro è diventato obbligatorio solo a partire dal 1985. La Centrale ha indicato oggi che in molti casi le domande sembrano essere state fatte a caso.

Comunque sia, le istituzioni di previdenza professionale hanno annunciato circa 20 000 conti, dei cui titolari si son perse le tracce. L'importo totale non è noto all'Ufficio centrale del II pilastro, dal momento che le casse pensioni sono tenute a comunicare soltanto i dati personali degli aventi diritto.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?