Navigation

Libera circolazione: bilancio positivo

Secondo la Segreteria di Stato dell'economia (Seco), nell'ambito dell'accordo di circolazione delle persone tra la Svizzera e l'Unione europea non sono emersi problemi di rilievo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 aprile 2008 - 16:19

Stando al quarto rapporto dell'Osservatorio della libera circolazione delle persone, durante il periodo giugno 2002-dicembre 2007 l'immigrazione si è svolta in modo controllato e in funzione delle necessità dell'economia svizzera. I costi supplementari delle assicurazioni sociali sono stati nettamente meno importanti del previsto.

Dall'analisi risulta che, ad emigrare dall'Ue verso la Svizzera sono soprattutto persone qualificate. Secondo la Seco, non è stato possibile stabilire eventuali effetti negativi sul livello dei salari dei lavoratori indigeni o un dumping salariale da parte dei datori di lavoro elvetici. Il tasso di disoccupazione è nettamente diminuito grazie a una congiuntura favorevole.

Dall'entrata in vigore dell'accordo, l'immigrazione netta (saldo migratorio) in provenienza dallo spazio UE è aumentata, mentre è diminuita quella proveniente da Stati terzi. Questa tendenza – si afferma nel rapporto – è conforme agli obiettivi della Confederazione in materia di politica degli stranieri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?