Navigation

La Svizzera può rinunciare alle centrali nucleari?

Il parlamento svizzero ha deciso di vietare nuovi impianti nucleari sul territorio elvetico. Questa svolta energetica è realizzabile? La Svizzera può rinunciare all’energia atomica? E con quali alternative? La vostra opinione ci interessa.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 settembre 2011 - 16:02

La fine del nucleare nel 2034

Dopo la Camera del popolo, anche la Camera dei cantoni ha deciso, con 30 voti contro 8, di non più rilasciare autorizzazioni per la costruzione di nuove centrali atomiche. 

I senatori si sono però espressi contro una "proibizione della tecnologia nucleare", allo scopo di non impedire la ricerca in questo settore. Il dossier torna quindi Consiglio nazionale.

In base alla decisione del parlamento, le centrali atomiche esistenti saranno disattivate quando avranno raggiunto un ciclo di vita di 50 anni e non saranno sostituite. L'ultimo impianto dovrebbe quindi chiudere i battenti nel 2034.

In Svizzera circa il 40% dell'elettricità prodotta è di origine nucleare e proviene dalle cinque centrali atomiche di Beznau I e II, Mühleberg, Gösgen e Leibstadt. Questi impianti producono annualmente 26 miliardi di kilowattore (kWh).

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?