Navigation

La Svizzera apprezza il sostegno all'Asia centrale

Vendita di patate in un mercato di Tashkent, Uzbekistan Keystone

Joseph Deiss ha espresso il suo apprezzamento per l’iniziativa della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) a sostegno dei mercati dell’Asia centrale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 aprile 2004 - 13:40

In occasione dell’assemblea annuale della BERS, Deiss ha ricordato le difficoltà dell'economia di mercato in questa regione.

Il piano della BERS mira a sostenere i paesi che lo desiderano nella transizione all’economia di mercato. Fra di essi vi sono i sette paesi più poveri dell’Asia centrale e del Caucaso: Armenia, Azerbaigian, Georgia, Kirghizistan, Moldavia, Tagikistan, Uzbekistan.

Joseph Deiss, che in quanto ministro dell’economia rappresenta la Svizzera all’interno della BERS, ha osservato lunedì di fronte ai delegati riuniti a Londra che il programma di investimenti nei paesi dell’Europa centrale – la maggior parte dei quali aderirà all’Unione europea il 1° maggio – è servito allo scopo.

Ma, ha aggiunto, i progetti della banca non hanno avuto lo stesso successo nei paesi dell’Asia centrale.

Eredità sovietica

Dopo il collasso del regime comunista sovietico nel 1991 e la fine di 80 anni di dominio economico moscovita, molti paesi dell’ex-blocco sovietico hanno faticato a rimettersi in sesto.

“Tredici anni dopo l’indipendenza, la qualità di vita media per abitante rimane al di sotto di quella dell’era sovietica”, ha rilevato Joseph Deiss.

Le piccole imprese di alcuni di questi paesi stanno ancora lottando per smantellare definitivamente il sistema sovietico.

I responsabili dei progetti di sviluppo si inquietano per il fatto che i regimi autoritari presenti in alcuni paesi dell’Asia centrale continuano a impedire la crescita. Il progresso economico è bloccato, in paesi come l’Azerbaigian, da una corruzione galoppante.

Piano d’azione

Il programma della BERS intende promuovere le piccole e medie imprese (PME) e incoraggiare gli investitori stranieri a tener conto della regione.

“Dobbiamo adattare il nostro know-how finanziario, per far fronte ai bisogni delle PME, colonne vertebrali dell’economia di questi paesi,” ha detto Deiss, invitando la banca a semplificare le procedure e a ridurre i costi delle transazioni.

Deiss ha anche chiesto alla BERS di concentrarsi sull’elaborazione di programmi di lotta contro la povertà in cui i paesi interessati possano assumere essi stessi responsabilità di gestione.

“È importante convincere i banchieri che i paesi che si trovano sulla soglia della transizione all’economia di mercato rappresentano una sfida fra le più interessanti,” ha concluso il presidente della Confederazione.

Helvetistan

Da più di dieci anni la Svizzera è molto attiva in Asia centrale e difende gli interessi di molti paesi della regione in seno al Fondo monetario internazionale (FMI) e alla Banca mondiale.

Il Segretariato di Stato per l’economia (seco) e la Direzione per lo sviluppo e la cooperazione (DSC) hanno sostenuto molti progetti volti a favorire lo sviluppo delle economie di questi paesi.

Obiettivi fondamentali di questi progetti sono la promozione di regole di buon governo, la prevenzione dei conflitti, la creazione di un sistema sanitario efficace e la protezione delle risorse naturali.

Durante la sua sessione estiva, il parlamento svizzero sarà chiamato a pronunciarsi su un credito di 800 milioni di franchi, destinato a proseguire l’impegno della Confederazione nella regione.

swissinfo, Joanne Shields
(traduzione e adattamento: Andrea Tognina)

Fatti e cifre

La BERS è stata creata nel 1991 in seguito al collasso dell’Unione sovietica. Suo scopo è di aiutare i paesi dell’ex-URSS a sviluppare un’economia di mercato.
La banca investe in 27 paesi dell’Europa centrale e dell’Asia centrale. La BERS è formata da 60 stati membri e da due organizzazioni non governative.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?