Navigation

L'equilibrismo dell'ONU sui diritti umani in Cina

In un incontro virtuale con Michelle Bachelet il 25 maggio, il presidente cinese Xi Jinping ha difeso la situazione dei diritti umani nel suo Paese e ha criticato gli Stati che danno lezioni agli altri e politicizzano la questione. Secondo i rapporti sui diritti umani, la Cina imprigiona circa un milione di persone di etnia uigura, che sono soggette ad abusi come torture, lavori forzati, stupri e sterilizzazioni forzate. Xinhua

Al termine della visita dell'Alto commissario per i diritti umani in Cina rimangono molti interrogativi aperti. Michelle Bachelet ha ottenuto qualcosa o ha solo messo a repentaglio la sua reputazione?

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 giugno 2022 - 13:29

"Ho molta simpatia per quel che ha fatto Michelle Bachelet, perché potrebbe anche avere effetti positivi", osserva l'austriaco Manfred Nowak, ex inviato speciale dell'ONU contro la tortura che ha visitato la Cina nel 2005. "Nello stesso tempo, farlo in queste condizioni – penso in particolare alla Covid [che ha offerto alla Cina il pretesto per limitare l'accesso ad alcune aree] – e per una sola settimana è un'operazione ad alto rischio."

Bachelet, il cui mandato scade a settembre e che non ha ancora annunciato un'eventuale ricandidatura, è il primo Alto commissario per i diritti umani a visitare la Cina dal 2005, quando nel Paese asiatico si recò Louise Arbour. I negoziati per organizzare il viaggio sono stati lunghi, anche a causa della pandemia.

Organizzazioni non governative quali Human Rights Watch e Amnesty International, al pari del Dipartimento di Stato degli USA, si sono espresse negativamente sull'ipotesi della visita. I termini dell'accordo con Pechino non sono stati resi pubblici.

Prima del viaggio, molti attivisti per i diritti umani hanno espresso dubbi su possibili manipolazioni cinesi, soprattutto perché Pechino ha insistito sul fatto che si trattava di una semplice "visita amichevole". Oltre 220 gruppi democratici tibetani, uiguri, cinesi, della Mongolia meridionale e di Hong Kong hanno invitatoLink esterno Bachelet a rinviare il viaggio, per evitare il rischio di "entrare in un campo minato propagandistico allestito dal Partito comunista cinese". Pechino e l'ONU hanno impedito ai giornalisti stranieri di seguire il viaggio.

Bachelet è stata criticata anche per non aver pubblicato un rapporto potenzialmente esplosivo delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani nello Xinjiang e sugli abusi contro il gruppo etnico degli uiguri. Si pensava che lo avrebbe fatto dopo le Olimpiadi invernali in Cina nel febbraio 2022, ma il documento rimane nei suoi cassetti. I gruppi che si battono per i diritti umani dicono che ora dovrebbe assolutamente renderlo pubblico.

"Nessuna aspettativa"

Peter Irwin, responsabile per l'advocacy e la comunicazione dell'Uyghur Human Rights Project (UHRP), basato negli Stati Uniti, ha confidato a SWI swissinfo.ch prima del termine del viaggio di Bachelet di non aspettarsi "purtroppo" alcun risultato positivo dalla visita: "È assolutamente chiaro che nessuna persona uigura nella regione si trova nelle condizioni di parlare apertamente degli abusi che subisce."

Dopo la pubblicazione di documenti di polizia cinesiLink esterno da parte della stampa, tra cui fotografie agghiaccianti dei membri della comunità uigura internati, avvenuta poco prima della visita, Irwin diceva di sperare che Bachelet approfittasse del viaggio per porre domande senza intermediari alle autorità cinesi. "Se non è possibile parlare direttamente con la popolazione colpita, almeno si può sfidare il governo sulla base delle prove schiaccianti di genocidio e di crimini contro l'umanità in atto:"

In una conferenza stampa onlineLink esterno il 28 maggio, Bachelet ha affermato di aver avuto discussioni "franche" con rappresentanti cinesi di alto livello. Durante due giorni di viaggio nello Xinjiang, Bachelet ha detto di aver avuto l'opportunità di visitare tra l'altro "la prigione e la scuola sperimentale di Kashgar, un ex centro di educazione e addestramento professionale". La Cina è stata accusata di utilizzare i centri di formazione professionale per commettere un "genocidio culturale" contro la comunità uigura e altre minoranze etniche.

Mandato

Ma qual è il mandato ideale per una visita ufficiale relativa ai diritti umani? Lo scorso anno, la Svizzera è stata uno dei 40 paesi a esercitare pressioni sulla Cina perché permettesse una visita "significativa e senza restrizioni" nello Xinjiang.

L'ex inviato dell'ONU contro la tortura Nowak dice a SWI swissinfo.ch che il mandato è la chiave del successo, soprattutto in Paesi come la Cina.

"Per me era prioritario poter visitare ogni luogo di detenzione – non solo prigioni, ma anche centri di detenzione della polizia, campi di rieducazione e così via – senza preavviso alle autorità e, ancora più importante, parlare in privato con le persone detenute. Naturalmente la mia visita alla fine è stata in una certa misura ostacolata perché siamo stati sottoposti a una stretta sorveglianza, ma mi sono recato in molti luoghi di detenzione senza preavviso e ho potuto parlare in privato con i detenuti che ho scelto."

Nella sua funzione di ispettore dell'ONU, Nowak ha cancellato una visita al campo di detenzione militare statunitense di Guantanamo a Cuba nel novembre 2005, quando Donald Rumsfeld, Segretario della difesa nell'amministrazione di George W. Bush, non ha voluto accettare le sue condizioni, in particolare quella di incontrare in privato i detenuti accusati di terrorismo.

"Per coincidenza, durante una conferenza stampa a Londra con Amnesty International, un giornalista ha chiesto perché non fossi andato a Guantanamo in dicembre, ma mi apprestassi ad andare in Cina", racconta. "E allora ho rivelato che la Cina aveva accettato il mio mandato, gli Stati Uniti no. Non erano certo le migliori premesse per le relazioni pubbliche dell'amministrazione Bush. In linea di principio, la Cina ha rispettato il mio mandato e ho ottenuto molte informazioni."

In Cina tuttavia bisogna stare molto attenti. Durante il viaggio occorre un team che includa esperti di sicurezza e informatica, in grado di verificare se le camere d'albergo o i telefoni sono sorvegliati ("Dovevamo cambiare la carta SIM dei nostri telefoni ogni due ore perché intercettavano le nostre comunicazioni"). Servono anche persone che "conoscono davvero la Cina, ma anche gli ambienti uiguri, perché altrimenti vi dicono 'Questo è mister X' e in realtà si tratta di una persona completamente diversa".

"Non un'indagine"

Nella conferenza stampa del 28 maggio, Bachelet ha detto che la sua vista non era un'indagine. "Le visite ufficiali di un Alto commissario sono per loro natura di alto livello e semplicemente non sono favorevoli al lavoro dettagliato, metodico, discreto di un approccio investigativo", ha detto alla stampa. "La visita è stata un'opportunità di avere delle discussioni dirette sui diritti umani con i massimi dirigenti cinesi, con l'intento di sostenere la Cina nell'adempimento dei suoi obblighi nell'ambito del diritto internazionale umanitario."

Nowak fa notare che Bachelet è stata presidente del Cile ed è una diplomatica piuttosto che un'investigatrice. Impegnarsi in un dialogo al più alto livello con la Cina sui diritti umani potrebbe a suo avviso anche condurre a dei miglioramenti e a un'attenuazione dei contrasti, in un momento in cui le tensioni stanno crescendo, in particolare rispetto alla situazione a Taiwan, Hong Kong, Ucraina e Xinjiang.

Lo scenario migliore sarebbe uno sviluppo positivo delle condizioni degli uiguri in Cina. Nowak ci crede. Ma Bachelet potrebbe anche ottenere alcune concessioni su obiettivi a lungo termine dell'ONU, quali la ratificazione da parte di Pechino del Patto delle Nazioni Unite sui diritti civili e politiciLink esterno e l'abolizione della pena di morte.

Prossimi passi?

Bachelet ha detto di aver affrontato questi temi con Pechino, oltre a condividere con le autorità cinesi le preoccupazioni per la situazione dei diritti umani nello Xinjiang, a Hong Kong e nel Tibet. Ha anche annunciato che il governo cinese ha accettato di creare un gruppo di lavoro per "facilitare scambi sostanziali e cooperazione tra la mia agenzia e il governo attraverso incontri a Pechino e Ginevra e incontri virtuali". Questo è un passo importante soprattutto perché l'Alto commissariato per i diritti umani non è presente in Cina.

Quindi forse ci sarà un seguito e ci saranno dei risultati. Senza dubbio ci vorrà del tempo. Sophie Richardson, direttrice per la Cina di Human Rights Watch, rimane scettica. "Gruppi di lavoro su una 'collaborazione sostanziale' tra l'Alto commissariato ONU sui diritti umani e il governo cinese?", ha twittato. "Game. Set. Vittoria per Xi [il presidente cinese Xi Jinping]."

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?