Navigation

In futuro invieremo anche e-mail raccomandate

Una chiave USB sostituisce il classico timbro postale Keystone

Oltre a quelle cartacee, fra un paio d'anni ci saranno anche e-mail raccomandate. Un'innovazione che si rivolge soprattutto alle aziende.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 luglio 2005 - 18:21

La Posta muove un passo verso la realizzazione del progetto, rilevando la SwissSign SA, una società con sede a Zurigo pioniere nel settore dello scambio sicuro di dati elettronici.

La Posta Svizzera progetta il lancio del timbro postale digitale. Lo hanno spiegato ai media i rappresentanti del «gigante giallo» lunedì.

La SwissSign SA sta per ottenere la certificazione della sua firma digitale cifrata riconosciuta a tutti gli effetti di legge, ha spiegato il responsabile Mail e membro della direzione della Posta Josef Bösch.

Con l'acquisizione di questa società, La Posta accede al mercato della firma e della cifratura di dati e documenti elettronici sicuri.

Raccomandate elettroniche

In altri termini, in futuro la Posta permetterà di inviare lettere «signature» e «raccomandate» in forma elettronica, con tutte le garanzie di sicurezza e legali che ne derivano.

Chi ad esempio vorrà spedire una disdetta con tale sistema, dovrà dapprima farsi registrare digitalmente e richiedere il rilascio di una «chiave cifrata» all'ufficio postale. Dovrà inoltre disporre di uno specifico software.

L'invio postale elettronico offrirà la garanzia assoluta che proviene effettivamente dal mittente indicato, è stato spedito ad una determinata data ed è giunto al destinatario, senza interferenze o manipolazioni di terzi, ha aggiunto Peter Delfosse, responsabile dell'E-Business PostMail.

Servizio a disposizione fra due anni

La Posta dispone già della piattaforma di scambio di documenti «incaMail», tramite la quale si potrà trasmettere in tutta la Svizzera la lettera raccomandata elettronica.

Ma questo nuovo servizio potrà essere messo a disposizione degli utenti solo fra circa due anni. La clientela cui mira principalmente l'ex regia federale è quella aziendale. Quanto al costo dell'operazione, i rappresentanti della Posta non sono per il momento in grado di fornire cifre.

Altri progetti elettronici

Strategicamente per la Posta l'acquisizione della SwissSign significa anche la possibilità «di avviare altri progetti in altri settori» delle nuove tecnologie, «proponendo prodotti orientati al futuro», ha rilevato Bösch.

Il «gigante giallo» lancerà ad esempio un progetto pilota con il Tribunale federale di Losanna e il Tribunale federale delle assicurazioni di Lucerna denominato «JusLink».

Questo utilizzerà incaMail quale piattaforma elettronica di recapito per lo scambio di documenti tra avvocati e tribunali a partire dal 1. gennaio 2007.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

La Posta estende i suoi servizi elettronici: rileva SwissSign per lanciare il timbro postale digitale.

Dal 1° gennaio 2005 è entrata in vigore in Svizzera la nuova legge sulla firma elettronica (FiEle) che equipara la firma digitale a quella manuale.

Questo nuovo strumento di riconoscimento della propria identità è già stato introdotto negli ultimi anni in Finlandia, Olanda e Austria.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?