Navigation

Il titolo di campione ritorna a Zurigo

I tifosi festeggiano coi loro idoli la meritata vittoria Keystone

Grazie alla vittoria contro il Bellinzona – e alla contemporanea sconfitta del Basilea – il Football Club Zurigo si è aggiudicato domenica il campionato svizzero di calcio. La squadra allenata da Bernard Challandes è così riuscita a strappare il trofeo alla squadra renana, riportandolo sulle rive della Limmat.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 maggio 2009 - 19:00

L'ormai classico duello tra le due capitali del calcio elvetico ha visto quest'anno prevalere la compagine zurighese, così com'era avvenuto nel 2006 e nel 2007. Nel 2008, il trofeo era invece finito nella bacheca della società renana.

La vittoria del Basilea per 3-1 nello scontro diretto della scorsa settimana è dunque risultata inutile: vincendo 1-0 a Bellinzona (rete di Alphonse al 31esimo), lo Zurigo si è garantito quattro punti di vantaggio sui rivali, sconfitti nettamente per 4-1 nel derby cittadino contro il Grasshopper. Un divario incolmabile a una sola giornata dal termine.

Conquistando l'alloro, il tecnico degli zurighesi Bernard Challandes ha così messo a tacere tutti quanti lo ritenevano incapace di bissare i successi ottenuti nel 2006 e nel 2007 dal suo predecessore Lucien Favre, anch'egli francofono e attualmente allenatore dell'Herta Berlino.

Un caso per due

L'esito del campionato elvetico ha dimostrato ancora una volta che il divario tra i due club è minimo: un dato confermato anche dalle statistiche: lo Zurigo e il Basilea hanno conquistato entrambi dodici volte il titolo nazionale.

I gialloneri bernesi dello Young Boys hanno dal canto loro deluso le aspettative. La compagine della capitale era riuscita a inserirsi nella lotta per la vittoria finale grazie a cinque successi consecutivi ottenuti dopo la pausa invernale, ma ha poi sciupato tutto perdendo diverse partite contro squadre meno titolate.

Prova di forza

Durante buona parte della stagione, lo Zurigo ha dovuto rinunciare – a causa di un infortunio – al contributo di uno dei suoi giocatori migliori, il centrocampista tunisino Yassine Chikhaoui. Ciononostante, la squadra ha mostrato di aver abbastanza elementi validi per ovviare a questa importante assenza.

Un esempio in tal senso è costituito dal centrocampista Almen Abdi: quest'ultimo, appena 22enne, ha saputo imporsi come uno degli elementi chiave della squadra e uno dei migliori marcatori del campionato.

Proprio la forza offensiva si è rivelata essere una delle qualità decisive dello Zurigo: complessivamente, Almen Abdi e gli attaccanti Alphonse Alexandre ed Eric Hassli hanno infatti realizzato una cinquantina di reti.

Una squadra completa

Lo Zurigo ha dimostrato di essere un collettivo organizzato in ogni reparto: a metà campo, Xavier Margairaz e Silvan Aegerter hanno garantito solidità e ordine durante tutta la fase decisiva del campionato.

Anche a livello difensivo i giocatori biancoblù hanno dato prova di qualità e quantità, a immagine del massiccio finlandese Hannu Tihinen (190 centimetri, 82 chilogrammi) e del portiere Johnny Leoni, uno degli estremi difensori più costanti del campionato.

Basilea a una svolta?

Analogamente allo Young Boys, anche il Basilea ha perso parecchi punti pesanti contro squadre sicuramente alla sua portata. Il campionato 2008/2009 potrebbe peraltro concludersi con mutamenti importanti per quanto concerne la guida tecnica della squadra.

L'allenatore Christian Gross dirige infatti la compagine rossoblù da un decennio: secondo molti osservatori, il momento sarebbe propizio per un cambiamento. Anche perché, viene fatto notare, una società ambiziosa e quotata come il Basilea difficilmente accetta senza batter ciglio di terminare un'annata a mani vuote...

Renat Künzi, swissinfo.ch
(traduzione e adattamento: Andrea Clementi)

FC Zurigo

Portieri
Johnny Leoni, Orlando Lattmann, Andrea Guatelli.

Difensori
Veli Lampi, Florian Stahel, Daniel Stucki, Philippe Koch, Alain Rochat, Heinz Barmettler, Hannu Tihinen.

Centrocampisti
Fabrizio Di Gregorio, Xavier Margairaz, Tito Tarchini, Silvan Aegerter, Donatus Okonkwo Onyekachi, Adrian Nikci, Dusan Predrag Djuric, Yasin Chikhaoui, Almen Abdi, Martin Büchel, Remo Staubli.

Attaccanti
George Ivanishvili, Alexandre Alphonse, Admir Mehmedi, Marco Schönbächler, Eric Hassli.

Allenatore
Bernard Challandes.

Albo d'oro
Fondato nel 1896, lo Zurigo ha conquistato 12 titoli di campione svizzero e 12 coppe nazionali.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?