Navigation

Fine dello sciopero a Bellinzona

Gli operai delle Officine della FFS Cargo di Bellinzona riprendono il lavoro dopo un mese di sciopero.

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 aprile 2008 - 11:43

Lo ha deciso lunedì l'assemblea degli operai, che ha seguito all'unanimità la proposta del comitato di sciopero. La ripresa del lavoro renderà possibile l'apertura di una tavola negoziale sul futuro delle Officine di Bellinzona.

Il consiglio di amministrazione delle Ferrovie federali svizzere (FFS) ha ritirato sabato il piano di ristrutturazione annunciato il 7 marzo scorso.

Le trattative attorno alla "tavola rotonda", che si protrarranno per due mesi, dovrebbero permettere di trovare una soluzione per garantire il futuro delle Officine di Bellinzona, ha detto sabato il ministro dei trasporti Moritz Leuenberger.

Lo spiraglio negoziale si è aperto dopo un incontro tra il mediatore Marco Solari e i dirigenti delle Ferrovie, i rappresentanti sindacali e degli operai, il governo ticinese e lo stesso Leuenberger.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?