Navigation

Espulsione di africani: tutto regolare

Non è pratica illecita espellere verso la Costa d'Avorio candidati all'asilo africani: lo afferma il sottogruppo «Giustizia e polizia» della commissione di gestione del Nazionale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 febbraio 2000 - 13:47

Chiamata ad esaminare le accuse di «traffico di esseri umani» lanciate nello scorso gennaio dal settimanale romando «L'Hebdo», la sottocommissione ha studiato i fatti incriminati ma non ha ravvisato irregolarità di nessun genere, nemmeno dal punto di vista giuridico.

«L'Hebdo» aveva reso noto che la Svizzera ha espulso l'anno scorso verso la Costa d'Avorio 90 candidati all'asilo dell'Africa occidentale, la cui richiesta era stata respinta. La notizia era stata successivamente confermata dall'Ufficio federale dei rifugiati. L'identificazione degli «asilanti» africani, aveva spiegato l'UFR, è particolarmente difficile poiché dichiarano spesso false generalità e certi paesi africani non dispongono in Svizzera di rappresentanze diplomatiche in grado di fornire le informazioni necessarie. Ad Abidjan vi sono invece ambasciate e consolati, ragione per cui l'UFR ha scelto la Costa d'Avorio, con il suo assenso, quale paese di transito.

Le espulsioni verso la Costa d'Avorio sono nel frattempo state sospese dopo i recenti cambiamenti politici intervenuti nel paese alla fine dell'anno scorso. L'ultimo volo in direzione di Abidjan risale al 27 gennaio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?