Navigation

Trovare lavoro in Svizzera, le sfide di rifugiate e rifugiati ucraini

Circa il 3% della popolazione in età lavorativa con lo statuto di protezione S in Svizzera ha trovato lavoro, secondo le stime del Governo. © Keystone / Anthony Anex

Molte persone ucraine rifugiate con alte qualifiche professionali stanno cercando lavoro in Svizzera. Trovarne uno adatto non è facile. Ci vuole creatività e pazienza, indicano esperti ed esperte.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 giugno 2022 - 09:38

Quando la consulente sanitaria Olga Faryma è arrivata sana e salva in Polonia dopo diverse settimane in viaggio con le figlie da Kiev, trovare lavoro è stata la sua priorità. "Un lavoro è una necessità fondamentale quando si è sempre in movimento e si è da soli con i propri figli", ha detto a SWI swissinfo.ch.

Stava cercando lavoro in tutta Europa quando una persona che conosce le ha mandato un link al sito dell'Alta scuola professionale di Berna (Berner Fachhochschule, BFH), che stava offrendo sostegno a ricercatrici e ricercatori ucraini.

Olga non è una ricercatrice, ma ha creato una ONG chiamata BeHealthy per aiutare bambini e bambine in Ucraina ad avere un'alimentazione sana. Navigando sul sito dell'ateneo, Olga ha trovato un professore che stava effettuando ricerche in un ambito simile e lo ha contattato per e-mail. Dopo poche ore, ha ricevuto una risposta. Una settimana dopo, Olga era in viaggio per la Svizzera con un'offerta di lavoro per la creazione di un progetto che si occupasse dei bisogni sanitari di bambine e bambini rifugiati.

Quella di Olga è una delle rare storie di successo sul mercato del lavoro svizzero per le persone rifugiate dall'Ucraina.

Il 23 giugno, quattro mesi dopo l'inizio della guerra , le autorità elvetiche hanno comunicato che oltre 57'000 persone in arrivo dall'Ucraina avevano richiesto lo statuto di protezione "S" che dà loro il diritto di lavorare, a differenza delle altre persone rifugiate che ottengono il permesso "N" e devono aspettare almeno tre mesi prima di poter ottenere un impiego.

Tuttavia, solo 1'500 persone con permesso S hanno trovato lavoro, secondo i dati ufficiali. La Segreteria di Stato per la migrazione SEM ritiene si tratti di circa il 3% della popolazione in età lavorativa giunta in Svizzera a causa della guerra.

"Tenuto conto che sono passati solo tre mesi dall'inizio della guerra, il dato è incoraggiante", ha affermato la ministra della giustizia Karin Keller-Sutter il primo giugno.

Tuttavia, molte persone  si sono sentite scoraggiate dal tempo necessario per ottenere un lavoro in Svizzera. Nonostante la domanda di manodopera altamente qualificata, datori e datrici di lavoro non si stanno affrettando ad assumere le persone in arrivo dall'Ucraina, come molte di queste ultime si sarebbero aspettate.  

Una guerra diversa

Una ragione è che la Svizzera è un mercato altamente competitivo, dice Lidiya Nadych-Petrenko, talent coach nata in Ucraina e che da 15 anni lavora nelle risorse umane di una multinazionale in Svizzera.

"Quando c'è un posto vacante in Svizzera, si candidano molte persone altamente qualificate che parlano molte lingue diverse e hanno esperienze professionali in molti mercati europei. Chi proviene dall'Ucraina, anche se con alte qualifiche, generalmente parla meno lingue di altri candidati o candidate", spiega Nadych-Petrenko che, a titolo volontario, fornisce consulenza alle persone ucraine in cerca di lavoro.

Da un sondaggio svolto in aprile dal portale online Jobcloud a cui hanno partecipato circa 2'000 ucraini e ucraine in Svizzera è emerso che il 75% di loro aveva un diploma universitario e circa il 63% parlava fluentemente inglese. Tuttavia, solo circa il 10% aveva buone competenze in tedesco e una percentuale ancora minore in italiano o francese.

Un aspetto che potrebbe tranquillizzare alcune persone è che coloro che arrivano dall'Ucraina non sono in competizione per un numero limitato di permessi di lavoro – un fattore che rende più difficile per le aziende assumere personale proveniente da Paesi terzi al di fuori dalla zona europea di libero scambio.  La SEM ha confermato a swissinfo.ch che le persone ucraine con permesso S non sono incluse nel conteggio per la quota di personale proveniente da Paesi terzi.

Tuttavia, le aziende hanno comunque un'ampia scelta di buone candidature.  Il servizio di telecomunicazioni più grande della Svizzera, Swisscom, ci ha indicato  di non aver ancora assunto nessuna persona di nazionalità ucraina perché tra le candidature ricevute fino a quel momento nessun profilo soddisfaceva i requisiti professionali richiesti.

Per alcune professioni la situazione è più difficile che per altre. La maggior parte dei lavori ottenuti da ucraini e ucraine finora sono nel settore alberghiero, seguito da consulenza, informatica e agricoltura. Sono ambiti che prevedono meno condizioni per l'esercizio della professione e non richiedono generalmente qualifiche o formazioni specifiche.

Tra Svizzera e Unione europea esiste un riconoscimento reciproco per molte professioni, ma non è il caso per l'Ucraina. "Professioni regolamentate come medico o avvocato non possono essere svolte da chiunque provenga al di fuori dall'Unione europea. Questo è sicuramente un ostacolo per ucraini e ucraine", afferma Urs Haegi, avvocato presso lo studio legale Vischer che fornisce assistenza legale pro bono a rifugiate e rifugiati provenienti dall'Ucraina. Lo studio ha assunto due avvocati ucraini ma, a causa delle regole svizzere, non possono svolgere l'attività in quanto avvocati certificati.

Le condizioni d'assunzione sono più accomodanti per le compagnie internazionali, specialmente nella consulenza o nelle professioni che possono essere svolte in telelavoro. La rete di società di consulenza KPMG ha creato una piattaforma per aiutare ucraine e ucraine già suoi membri a candidarsi per un posto in una delle società affiliate in tutto il mondo. Nella sede svizzera sono state assunte cinque persone in questo modo. Tuttavia, alcuni di questi lavori prevedono ancora un salario ucraino con cui è difficile mantenersi in Svizzera.  

Incertezza in tempi incerti

Le sfide più grandi si trovano però oltre a quanto scritto nei curriculum vitae. Datori e datrici di lavoro hanno diversi dubbi riguardo all'assunzione di persone rifugiate, dice Nadych-Petrenko. Si chiedono quanto a lungo resteranno e quanto siano emotivamente pronte a lavorare. "La situazione in Ucraina continua a evolvere ed è naturale per loro pensare alla famiglia rimasta a casa. È un aspetto che crea qualche titubanza a chi potrebbe assumerle", aggiunge la consulente.

Un secondo sondaggio lo confermerebbe. Christelle Perret-Huwiler, responsabile per le pubbliche relazioni presso Jobcloud, ha dichiarato a swissinfo.ch che datrici e datori di lavoro hanno espresso preoccupazioni poiché temono che queste persone "vogliano tornare a casa, siano traumatizzate dalla guerra o possano avere bisogno di troppo supporto da parte dell'azienda al di fuori del lavoro".

C'è anche molta incertezza riguardo al funzionamento dello statuto S. Le autorità hanno cercato di ridistribuire rifugiati e rifugiate tra i diversi Cantoni, ma molti lavori sono disponibili solo in grandi città come Zurigo o Ginevra. Un datore di lavoro ha detto che sarebbe utile sapere al momento della candidatura se la persona si trova già in Svizzera.

Anche se le aziende dimostrano una certa solidarietà nei confronti di ucraini e ucraine, si nota anche una certa reticenza ad assumere sulla base della nazionalità. Le imprese sono coscienti del fatto che ad altre persone rifugiate non ucraine non sono state concesse le stesse opportunità.

Trovare la giusta via

Secondo Nadych-Petrenko, le prospettive di lavoro miglioreranno nel tempo e le reticenze di chi offre un impiego non dovrebbero essere un deterrente per non provare a candidarsi. Aggiunge, tuttavia, che non bisogna esitare a utilizzare canali non tradizionali, come ha fatto Olga.

"Se ucraine e ucraine si limitano a inviare il proprio CV, molto probabilmente non avranno successo. Ci sono sempre molte buone candidature. Ciò che è differente per loro, è la rete di conoscenze. È questa la loro forza", indica Nadych-Petrenko. Le persone attorno a loro, incluse coloro che hanno offerto ospitalità alle persone rifugiate, "sono la porta d'entrata al mercato del lavoro", dice.

Molte delle persone ucraine contattate da swissinfo.ch si sono dette impressionate dal modo in cui la gente si è dimostrata disponibile a fornir loro dei contatti, specialmente in reti femminili. "Succede anche in Ucraina, ma spesso ci consideriamo in competizione", dice Inna, che aveva un'attività commerciale online in Ucraina. "Qui in Svizzera, le persone condividono le proprie esperienze, pensieri, idee. Si è in competizione, ma prima di tutto si è colleghe. Questa è una grande differenza."

Nadych-Petrenko aggiunge che è importante dimostrarsi flessibile e pensare ai benefici a lungo termine di accettare un lavoro o una formazione in Svizzera. Raccomanda ai dentisti, per esempio, di lavorare anche come assistente in uno studio dentistico per ottenere competenze che poi potranno riportare con sé in Ucraina.

Molte persone ucraine vedono nella situazione attuale anche un'opportunità per iniziare un'attività. Alcune hanno descritto delle chat di Telegram in cui imprenditori e imprenditrici possono trovare aiuto e scambiarsi idee su come offrire i propri servizi nell'informatica, nella cosmetica, nel design e nella pulizia.

La flessibilità è necessaria anche da parte di chi offre lavoro, dice Perret-Huwiler. Jobcloud ha creato l'hashtag #Jobs4Ukranians su jobs.ch per permettere alle aziende di indicare i lavori che potrebbero essere adatti a persone provenienti dall'Ucraina. "Le aziende dovrebbero specificare se sono necessarie competenze di tedesco o se una buona conoscenza dell'inglese è sufficiente, in modo da non scoraggiare le persone a candidarsi".

La compagnia tecnologica Scandit ha annunciato una "corsia preferenziale" per candidati e candidate dall'Ucraina che si trovano attualmente in Svizzera e in alcuni altri Paesi europei. Scandit offre anche supporto finanziario e legale, tra cui assistenza per l'ottenimento di un visto o la ricerca di un alloggio. L'azienda ha ricevuto finora 272 candidature da persone in fuga dalla guerra – la maggior parte per lavori nel settore dell'ingegneria.

Quando Olga era in Polonia, aveva stilato una lista di tutto ciò che sapeva fare. "Non sono brava a raccogliere fragole, ma so occuparmi bene delle persone", dice. "Quando la vita cambia così velocemente, si è aperti anche a molte possibilità".    

Traduzione dall'inglese, Zeno Zoccatelli

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?