Navigation

Tito Tettamanti acquista la «Basler Zeitung»

La famiglia Hagemann e Publigroupe hanno ceduto le loro partecipazioni della «Basler Zeitung Medien» al finanziere ticinese e all’avvocato basilese Martin Wagner. Sull’ammontare della transizione non sono state fornite indicazioni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 febbraio 2010 - 09:08

Tito Tettamanti sarà l’azionista di maggioranza con una partecipazione del 75 percento, Martin Wagner controllerà il 25 percento della società. Quest’ultimo diventa nel contempo presidente del Consiglio di amministrazione ed editore del quotidiano basilese, si legge in una nota diramata lunedì.

Per il finanziere ticinese Tito Tettamanti non è la prima acquisizione in campo editoriale: è anche azionista principale della Jean Frey AG, editore di testate di prestigio come «Beobachter» o «Weltwoche».

Nel comunicato, Martin Wagner manifesta la volontà dei nuovi acquirenti a mantenere «Basler Zeitung» indipendente e a evitare «la concentrazione della stampa nel nostro paese».

L’ex presidente del Consiglio di amministrazione e portavoce della famiglia Hagemann, Matthias Hagemann, rende noto che le trattative in vista della cessione della società sono iniziate già nello scorso autunno.

La famiglia Hagemann, con una partecipazione del 63%, deteneva la maggioranza della «Basler Zeitung Medien» da 59 anni. Il 37% delle azioni era invece nelle mani di PubliGroupe.

La «Basler Zeitung», con una tiratura di 88 mila copie, è il principale quotidiano della svizzera nord occidentale. Il gruppo impiega 1200 persone e ha realizzato una cifra d’affari di 263 milioni di franchi nell’anno d’esercizio 2008/09.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?