Navigation

La settimana corta in Svizzera ha poche chance

L'ufficio dell'azienda informatica seerow di Soletta, che ha condotto un progetto pilota di settimana lavorativa di quattro giorni. Per parte del personale, è come un aumento di stipendio. swissinfo.ch

A livello internazionale, la settimana di quattro giorni sta diventando sempre più popolare. In Svizzera, tuttavia, è poco diffusa perché molti lavoratori dipendenti sono impiegati già a tempo parziale. Tuttavia, alcune aziende stanno optando per una settimana di lavoro ridotta.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 febbraio 2022 - 13:14

In molte parti del mondo, si stanno compiendo degli sforzi per introdurre una settimana lavorativa di quattro giorni. L’Islanda, per esempio, ha attirato l'attenzione internazionale: la settimana lavorativa ridotta introdotta sperimentalmente dal paese non ha avuto effetti negativi sulla produttività. Ora la maggioranza della popolazione attiva ha diritto a cinque ore di lavoro in meno a piena retribuzione, come riportato dall’emittente svizzera SRF. In Cina, l'Accademia delle Scienze Sociali, un think tank statale, ha già sostenuto nel 2018 l’introduzione di una settimana lavorativa di quattro giorni per ridurre l'orario di lavoro e aumentare il turismo, secondo il People's Daily, media di Stato cinese.

Il Giappone ha deciso l'anno scorso di promuovere una settimana volontaria di quattro giorni. La ragione è una carenza di manodopera che sta costringendo il governo a promuovere nuovi modelli di lavoro che garantiscano abbastanza flessibilità per gli impegni personali, come la cura dei figli. Shionogi, un'azienda farmaceutica, introdurrà la settimana di quattro giorni come opzione da questa primavera per incoraggiare i dipendenti a formarsi al fine di aumentare la capacità d’innovazione dell'azienda. Anche Yahoo Japan e Mizuho Financial Group hanno introdotto una settimana volontaria di quattro giorni.

Lavoro part-time invece di una settimana di quattro giorni

Finora, nessuna delle grandi multinazionali in Svizzera ha introdotto una settimana di quattro giorni. L'azienda farmaceutica Novartis, per esempio, ha risposto per e-mail a un'inchiesta di SWI swissinfo.ch che la settimana di quattro giorni è "neutra" dal punto di vista della produttività dell'azienda. Finché la produttività per dipendente non aumenta, l'azienda dovrà spendere soldi per assumere e formare altri dipendenti. Per aumentare la produttività, offre altri modelli di lavoro: i dipendenti possono decidere da soli dove e quando sia meglio lavorare per completare le proprie mansioni e conciliare così la vita professionale con quella privata.

Roche offre una "struttura di lavoro flessibile, compreso il lavoro part-time e l'orario di lavoro spalmato su un intero anno". Il lavoro a tempo parziale rappresenta anche un'alternativa alla settimana di quattro giorni in Svizzera. Secondo l'Ufficio federale di statistica, l'11,8% degli uomini e il 35,5% delle donne hanno lavorato tra il 50 e il 90% (da 2,5 a 4 giorni a settimana) nel 2020.

Contenuto esterno

I dipendenti a tempo parziale lavorano meno ore e sono pagati proporzionalmente meno. Tuttavia, hanno diritto alle ferie pagate, al congedo di maternità e di malattia e alle prestazioni assicurative a partire da un carico di lavoro determinato. Sono anche inclusi nel sistema pensionistico. Tuttavia, gli esperti raccomandano di lavorare almeno dal 60 al 70% per assicurarsi una pensione sufficiente per il futuro.

Lavoro a tempo parziale nel confronto internazionale

La proporzione di lavoratori a tempo parziale in Svizzera è alta per gli standard internazionali. Secondo l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo in Europa (OCSE)Link esterno, la proporzione di uomini e donne che lavorano meno di 30 ore alla settimana è del 24,4%, la seconda più alta in Europa dopo i Paesi Bassi (28,1%). Questo perché il livello medio degli stipendi è così alto che le persone possono vivere dignitosamente anche se il loro reddito diminuisce con le ore di lavoro. D'altra parte, le madri con figli sono costrette a lavorare part-time in alcune culture a causa dell'alto costo dell'assistenza all'infanzia e della mancanza di mense scolastiche.

End of insertion

Quattro quinti dei dipendenti di Adecco lavorano all’80% per quattro giorni alla settimana. Ma una settimana di quattro giorni per tutta l'azienda è fuori questione, "perché come azienda impegnata nell’ambito del prestito di personale siamo vincolati ai nostri clienti e ai loro orari di lavoro", dichiara l’addetta stampa Annalisa Job.

Le piccole aziende testano la settimana di quattro giorni

Una delle poche realtà a introdurre la settimana di quattro giorni in Svizzera è l’azienda informatica seerow. Questa piccola impresa, che impiega dieci dipendenti e sviluppa siti web e applicazioni, ha introdotto una settimana di quattro giorni per un periodo di prova di sei mesi. In questo processo, gli stipendi dei dipendenti sono rimasti invariati.

"Mi sono interrogato molto sul fattore tempo in rapporto al nostro lavoro e sono giunto così alla conclusione che è necessario cambiare qualcosa", dice Fabian Schneider, fondatore e CEO di seerow, in un'intervista a swissinfo.ch. Anche prima del periodo sperimentale, la metà dei dipendenti lavorava all'80% e si è osservato che il giorno di riposo in più aveva un effetto positivo sulla loro produttività. "Questo è stato uno dei motivi che ci ha portato a introdurre una settimana di quattro giorni", spiega Schneider.

Il flusso di informazioni come sfida

"Siamo soddisfatti della situazione aziendale attuale e siamo stati in grado di aumentare la produttività attraverso un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata", dice Schneider. È quindi sicuro di mantenere la settimana di quattro giorni anche dopo il progetto pilota. La sfida più grande è stata quella di far circolare le informazioni tra il personale. Se qualcuno ha il lunedì come giorno libero, deve informare su ciò che è stato fatto prima di lasciare il posto di lavoro il venerdì, in modo che il trasferimento di informazioni sia garantito.

Questo non significa che si passa più tempo in riunione. C'è una riunione ogni mattina alle nove per discutere dei progressi e dei problemi, ma solo i diretti interessati sono presenti. Anche l'app di messaggistica Slack è spesso usata per condividere informazioni.

Questi processi di ottimizzazione "erano comunque importanti per migliorare la nostra efficienza e la settimana di quattro giorni ci ha motivati a introdurli", dice Schneider. A volte, dice, il collaboratore ha la tendenza a fare tutto da solo, a essere presente e a tenere per sé le informazioni. "A breve termine, questo può risultare efficiente, ma a lungo termine non lo è e può risultare pericoloso".

Più salario per le stesse ore di lavoro

Jan Brodbeck, un UX designer che lavora per l'azienda da due anni, lavorava precedentemente all'80%. Da ottobre, il suo stipendio è stato portato al livello di un impiegato a tempo pieno con lo stesso numero di giorni lavorativi. Per lui, il tempo libero è importante per la qualità di vita, ma si era comunque chiesto se fosse il caso di lavorare al 100% per una paga più alta. "Ora la questione è risolta", il che ha un effetto psicologicamente positivo.

Usa i suoi giorni liberi per gli hobby e l'apprendimento. È lo stesso di prima, ma "non mi sento male a lavorare troppo poco", il che è un'ulteriore motivazione, dice. È anche diventato più creativo e lavora ad alcuni progetti nei suoi giorni liberi, indipendentemente dal lavoro.

Il popolo svizzero non vuole ferie più lunghe

Tuttavia, in Svizzera c'è grande scetticismo rispetto alla settimana di quattro giorni. Rudolf Minsch, capo economista di Economiesuisse, l'organizzazione mantello dell'economia svizzera, ha detto al portale online 20 minuti: "Una paga uguale per meno lavoro è un'illusione, non è possibile. Inoltre, sarebbe "poco svizzero" se l'orario di lavoro fosse regolato a livello centrale.

Anche il popolo è critico nei confronti di una riduzione dell'orario di lavoro. L'ultima iniziativa nazionale su questo tema prevedeva di aumentare per legge il diritto alle ferie da quattro a sei settimane. I possibili effetti negativi della riduzione dell'orario di lavoro sull'economia hanno incontrato una forte resistenza. Nel referendum del marzo 2012, il 66,5% degli aventi diritto ha respinto il desiderio di introdurre più vacanze.

Forse, però, questa tendenza cambierà.  Lo scorso dicembre, la consigliera nazionale del Partito socialista, Tamara Funiciello, ha presentato una mozione per ridurre l'orario di lavoro a un massimo di 35 ore settimanali senza perdita di salario, obbligando il Consiglio federale a introdurre misure adeguate. 

Il sindacato Unia ha approvato una risoluzione lo scorso dicembre chiedendo una massiccia riduzione dell'orario di lavoro a parità di salario. "Grazie al progresso tecnologico e alla digitalizzazione, la produttività sta aumentando, ma la maggior parte dei guadagni derivanti da ciò resta alle imprese", ha spiega Mirjam Brunner del dipartimento politico di Unia in un'intervista a swissinfo.ch.  "Una riduzione collettiva delle ore di lavoro sarebbe un modo per ridistribuire questi guadagni di produttività ai salariati e alle salariate".

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?