Navigation

Scudo fiscale: ora o mai più

Lo scudo fiscale rappresenta «l'ultima opportunità di mettersi in regola»: lo hanno ribadito martedì la Guardia di finanza italiana e l'Agenzia delle entrate durante un convegno sui paradisi fiscali in corso a Roma.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 settembre 2009 - 14:19

Secondo le due entità statali italiane, l'ammontare dei patrimoni detenuti all'estero che potrebbero essere rimpatriati aderendo allo scudo fiscale è di quasi 300 miliardi di euro: una cifra formulata sulla base dei dati dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

Dei 300 miliardi, 125 miliardi si troverebbero in Svizzera e 86 in Lussemburgo. Un importo inferiore alle stime avanzate negli scorsi mesi dai maggiori quotidiani italiani, stando ai quali nella Confederazione vi sarebbero circa 300 miliardi di euro sottratti all'erario italiano, di cui 200 in Ticino. Nella Repubblica di San Marino sarebbero al momento depositati oltre 2 miliardi di euro di capitale italiano.

Giuseppe Vicanolo, generale della Guardia di finanza, ritiene che nei paradisi fiscali siano presenti da 5'000 a 7'000 miliardi di dollari. Una parte rilevante di questi importi, per un valore che oscilla tra i 1'000 e i 1'600 miliardi di dollari (stime della Banca mondiale), «è da attribuire a riciclaggio di proventi di attività criminali».

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?