Navigation

Nuova querela per UBS in Germania

L’autorità di vigilanza tedesca dei mercati finanziari (Bafin) ha avviato un’inchiesta contro UBS a seguito della denuncia di un ex cliente. Quest’ultimo accusa la banca di averlo indotto all’evasione fiscale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 aprile 2010 - 12:01

«Verificheremo se le normative contro il riciclaggio di denaro sono state rispettate», ha precisato giovedì il portavoce dell’autorità di sorveglianza Bafin.

L’UBS ha confermato la notizia riportata dal settimanale tedesco Der Spiegel. Dal canto suo, anche l’istituto bancario svizzero ha aperto un’inchiesta interna e coopera naturalmente con le autorità, ha indicato la banca.

La denuncia dell’ex cliente tedesco è stata inoltrata inizialmente alla procura di Francoforte, poi è passata a quella di Monaco. La querela interessa «alcuni collaboratori dell’UBS» e si riferisce a un possibile caso di «frode fiscale», ha dichiarato un portavoce della procura di Monaco.

Pare, infatti, che una filiale di UBS a Francoforte abbia consigliato al cliente di evadere l’erario tedesco procurandogli un domicilio fittizio a Zurigo e mettendogli a disposizione fondazioni a Singapore e Panama per nascondere i suoi averi.

L’inchiesta della Bafin, contrariamente a quella delle autorità giudiziarie, non può sfociare in una sanzione nei confronti della banca, può unicamente svolgere una funzione preventiva, ha ricordato un portavoce dell’autorità di vigilanza.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?