Navigation

La Svizzera ha gestito bene la crisi, sostiene l'FMI

Nel suo rapporto annuale dedicato alla Svizzera, il Fondo monetario internazionale loda le misure di politica economica prese dalle autorità, misure che hanno permesso di contenere la crisi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 marzo 2010 - 13:55

La Svizzera è stata toccata meno dalla crisi rispetto ai paesi vicini, grazie a provvedimenti di sostegno all'economia concepiti bene, ha dichiarato martedì a Berna Claire Waysand, capo missione dell'FMI.

Dopo la recessione durata fino alla seconda metà del 2009, per l'anno corrente gli economisti dell'FMI prevedono una crescita del prodotto interno lordo di circa l'1,5%.

L'orizzonte non è però completamente sereno. In particolare sussistono incertezze relative alla crescita a medio termine, in particolare del settore finanziario.

L'FMI raccomanda di proseguire gli sforzi per rafforzare la vigilanza sui mercati finanziari. L'ente competente – la FINMA – ha compiuto dei progressi, ma la sua efficacia deve essere consolidata.

L'organizzazione internazionale ha inoltre definito solida la situazione fiscale del paese e ha lodato la politica monetaria espansionista della Banca nazionale svizzera, raccomandandole di non rialzare troppo presto i tassi d'interesse.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?