Navigation

La Bns abbassa ancora il tasso direttore

La Banca nazionale svizzera (Bns) ha deciso di tagliare di mezzo punto percentuale il suo tasso direttore.

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 dicembre 2008 - 10:28

Si tratta della quarta riduzione in soli due mesi. La fascia di oscillazione del Libor a tre mesi scende così allo 0-1%: la mossa era peraltro attesa dalla maggior parte degli economisti.

La Bns «continuerà ad alimentare il mercato monetario in franchi svizzeri in modo generoso e flessibile», scrive l'istituto nel comunicato diffuso giovedì, in cui aggiunge che si adopererà per portare progressivamente il Libor nella zona mediana della fascia di fluttuazione.

La situazione economica internazionale si è nettamente deteriorata nel corso degli ultimi mesi, con un arretramento delle attività negli Stati Uniti e in Europa e un forte rallentamento in Asia, osserva la banca, che pronostica una riduzione del Pil.

Nell'ipotesi di un Libor a tre mesi mantenuto costantemente allo 0,5%, la Banca nazionale si attende ora un tasso medio d'inflazione dello 0,9% l'anno prossimo e dello 0,5% nel 2010.

Il miglioramento sul fronte del rincaro ha fornito un margine di manovra che la Bns «sfrutta con decisione». Abbassando una nuova volta il suo tasso di riferimento, l'istituto «vuole ridurre i rischi di un peggioramento della situazione e sostenere così l'evoluzione dell'economia».

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?