Navigation

Jean-Pierre Roth: nessuna crisi all'orizzonte

Secondo il presidente della Banca nazionale svizzera (Bns), Jean-Pierre Roth, è assai improbabile che in Svizzera avvenga una crisi paragonabile a quella verificatasi negli Stati Uniti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 giugno 2008 - 17:56

Nel quadro di una conferenza organizzata lunedì dalla Banca cantonale vodese, il dirigente ha affermato che il mercato immobiliare svizzero è sano: a suo parere, non sussiste dunque il rischio di una bolla speculativa che potrebbe influenzare i prezzi.

Gli istituti bancari hanno saputo trarre le dovute lezioni dalla crisi vissuta all'inizio degli anni Novanta e sono diventati assai più prudenti, ha detto il presidente della Bns. Inoltre – ha aggiunto – in Svizzera il finanziamento delle ipoteche poggia su basi più solide rispetto agli Stati Uniti.

A suo parere, l'aumento dei prezzi immobiliari registrato durante gli ultimi tempi – segnatamente nella regione dell'Arco lemanico – è semplicemente il risultato di un'evoluzione ciclica dovuta alla situazione congiunturale favorevole, di cui la Svizzera beneficia dal 2004.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?