Navigation

FFS Cargo: tavola rotonda posticipata

Inizialmente prevista ad inizio maggio, la tavola rotonda sul futuro delle Officine FFS Cargo di Bellinzona è stata rinviata di due settimane.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 aprile 2008 - 17:05

Il mediatore scelto dalle autorità federali, Franz Steinegger, ha fissato l'inizio delle trattative tra i vertici delle ferrovie e i lavoratori delle Officine per il 14 maggio.

«All'origine del differimento - ha spiegato Steinegger - vi sono alcuni ritardi nell'elaborazione delle prese di posizione e nelle traduzioni». Stando all'ex presidente del Partito liberale radicale, che ha ricevuto la documentazione soltanto martedì, ci vorranno almeno due mesi per giungere ad un risultato nell'ambito della sua mediazione.

I sindacati, con il sostegno del governo ticinese, hanno prontamente invitato Steinegger a mantenere la data del 2 maggio inizialmente prevista. «Gli impiegati di Bellinzona e l'esecutivo ticinese hanno messo a disposizione per tempo tutta la documentazione», ha precisato il segretario di Unia Matteo Ponzini, secondo cui è «preoccupante» il fatto che la direzione delle FFS non abbiano fatto altrettanto.

Alla tavola rotonda parteciperanno, oltre alle FFS e al comitato di sciopero, anche rappresentanti dei cantoni, della Confederazione e politici.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?