Navigation

Divieto di viaggio per i consulenti dell'UBS

Da mercoledì la banca svizzera vieta ai suoi consulenti per la gestione patrimoniale di viaggiare all'estero.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 aprile 2009 - 14:46

I circa 1'000 impiegati dell'UBS toccati dal provvedimento possono occuparsi dei clienti fuori confine solo per telefono o via e-mail e se un cliente vuole un colloquio a quattr'occhi deve venire in Svizzera.

La notizia, pubblicata domenica dal SonntagsBlick, è stata confermata da una portavoce della banca.

L'UBS - ha dichiarato la portavoce - sta procedendo a una completa rivalutazione delle direttive e delle norme di comportamento in relazione agli affari internazionali di gestione patrimoniale. Una rivalutazione che potrebbe durare mesi. Nel frattempo la sospensione dei viaggi rimarrà in vigore.

Questa rivalutazione è stata avviata a seguito di una indagine della Finma, l'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari. Questa ha avvertito la banca di prestare attenzione ai "rischi giuridici e di reputazione".

Nell'aprile del 2008 Martin Liechti, manager responsabile della gestione patrimoniale dell'UBS negli Stati Uniti, era stato brevemente arrestato a Miami durante un viaggio d'affari. Liechti non aveva potuto lasciare gli USA per diversi mesi, mentre il ministero della giustizia e l'autorità di vigilanza della borsa americana SEC stavano indagando per accertare se consulenti patrimoniali dell'UBS avessero aiutato tra il 2000 e il 2007 cittadini statunitensi ad evadere il fisco.

La banca elvetica ha comunicato lo scorso 29 marzo che Liechti "non è più impiegato presso l'istituto", senza fornire ulteriori precisazioni.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?