Navigation

La Svizzera affronta la sfida della gentrificazione delle criptovalute

Le criptovalute sono viste con sospetto da molti Paesi, che le considerano "il figlio selvaggio" della finanza che attrae i criminali. Keystone / Jerome Favre

La "cripto-Nazione" Svizzera sta attirando l'attenzione globale con una serie di riforme legali e una licenza normativa per il commercio basato sulla blockchain.

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 ottobre 2021 - 15:02
swissinfo.ch

Le blockchain sono sistemi digitali che immagazzinano e trasmettono criptovalute. La tecnologia è considerata in alcuni ambienti un miglioramento dell'attuale impianto finanziario.

La Svizzera ha aggiornato quest'anno una serie di leggi aziendali e finanziarie per dare al commercio basato sulla blockchain una solida base legale. L'autorità di vigilanza finanziaria ha autorizzato negli ultimi due anni due banche cripto, una borsa cripto e il primo fondo di criptovalute della Svizzera.

L'intenzione è quella di sostituire la vecchia immagine di "selvaggio west" imborghesendo le criptovalute. I piantagrane come il bitcoin vengono ripuliti e resi adatti al consumo da parte delle banche.

"Il mercato è cresciuto, il quadro giuridico c'è, le licenze sono state distribuite e si è creata una linea di nuovi prodotti finanziari", dice Katie Richards, ex responsabile dell'unità criptovalute della banca privata Falcon. Al momento è impegnata a stabilire gli uffici svizzeri di Cyber Capital, una società d'investimento in criptovalute con sede nei Paesi Bassi.

"La Svizzera sta diventando più innovativa e competitiva. Stiamo continuamente attirando nuove aziende da altri Paesi".

Le prime società di criptovalute sono apparse in Svizzera intorno al 2013, ma l'industria non ha veramente preso piede fino all'esplosione dei prezzi del bitcoin quattro anni dopo.

La Svizzera possiede già fondazioni senza scopo di lucro per collocare centinaia di milioni di dollari finanziati attraverso il crowdfunding da progetti blockchain. Ha convertito bunker alpini militari in centri di stoccaggio di criptovalute. Ora vuole collegare il misterioso mondo della blockchain e il business convenzionale.

Tale certezza legale e normativa è come una manna dal cielo per l'industria blockchain emergente, che è guardata con sospetto in molte parti del mondo. Non ultimi gli Stati Uniti, dove la regolamentazione finanziaria sta punendo severamente alcuni operatori di criptomoneta.

Ultimo rifugio sicuro

Il cittadino britannico-iraniano Amir Taaki ha recentemente scelto la Svizzera come base per il suo progetto di finanza decentralizzata DarkFi.  Non è un fan delle interferenze statali, ma reputa la posizione normativa della Svizzera molto più favorevole rispetto alle proposte di legge sulle criptovalute che vengono formulate negli Stati Uniti e nell'Unione europea.

"I governi stanno conducendo una guerra contro il denaro, la società e l'economia", ha detto. "La Cina sta diventando un modello per gli Stati occidentali. La Svizzera è l'ultimo rifugio sicuro".

Taaki si riferisce ai severi controlli della Cina sul commercio e la finanza e alla crescente sorveglianza statale sui cittadini.

Anche la controversa criptovaluta Diem di Facebook aveva guardato alla Svizzera come base ideale, ma era stata poi riportata negli Stati Uniti per permettere alle autorità di tenere d'occhio il progetto dirompente.

Società finanziarie di blockchain come Fireblocks negli Stati Uniti e AllianceBlock con sede nei Paesi Bassi stanno ora utilizzando la Svizzera come trampolino. La Deutsche Börse, che gestisce la borsa di Francoforte, ha acquistato una partecipazione per il controllo della società svizzera di mediazione finanziaria regolamentata Crypto Finance.

Sapere cosa è permesso fare - e cosa no - offre una solida base per costruire un business. Questo vale anche per la tokenizzazione - il processo di creazione di titoli conformi alla blockchain, come le azioni delle società, e i diritti di proprietà per l'arte e gli oggetti da collezione. Le criptovalute sono ora solo una parte di un universo più ampio di "beni digitali" che vengono creati e scambiati attraverso la blockchain.

Per esempio, la criptobanca svizzera con licenza Sygnum ha tokenizzato le azioni di un quadro di Picasso. Sygnum è solo una delle sempre più numerose piattaforme svizzere di tokenizzazione nate sulla scia delle riforme legali. Esse permettono anche alle aziende di emettere azioni digitali.

Ma il nuovo slancio dell'industria della blockchain deve essere messo in prospettiva. Diffondendosi dalla sua roccaforte originale nel Cantone centrale di Zugo (noto come Crypto Valley), il settore vanta ora quasi 1’000 aziende che impiegano 5’000 lavoratori in tutto il Paese di lingua tedesca, francese e italiana.

Il settore finanziario tradizionale impiega 220’000 persone in Svizzera. La più grande banca del paese, UBS, ha più di 70’000 dipendenti in tutto il mondo. Bitcoin Suisse, tra le più antiche società svizzere di criptovalute, ha aumentato l'organico da 120 a 260 persone negli ultimi 18 mesi.

I sospetti rimangono

Una manciata di banche ha iniziato a dilettarsi nei servizi di criptovaluta, ma l'industria finanziaria è ancora molto diffidente. Le banche si preoccupano di incorrere in problemi di riciclaggio di denaro. Ecco perché molte start-up di criptovalute lottano ancora per ottenere un conto bancario in Svizzera.

D’altra parte, coloro che sostengono la decentralizzazione si oppongono alla crescente interferenza normativa. Mettere il bitcoin in giacca e cravatta può farlo sembrare più appetibile, ma mina anche le sue qualità fondamentali, sostengono.

Piuttosto che essere schiacciati nell'infrastruttura convenzionale, le criptovalute e la blockchain dovrebbero sostituire le banche e le regole rigide con una tecnologia più agile che consegna il controllo operativo alle masse.

A prima vista, la Svizzera potrebbe non sembrare il posto più ovvio per impiegare una strategia di killeraggio delle banche. Ma Amir Taaki crede che entrambi i mondi possano coesistere nella nazione alpina, anche se a disagio. 

"Il mondo delle criptovalute si dividerà in un dominio pesantemente regolamentato, senza innovazione, e la finanza decentralizzata, che rimarrà sotterranea. Probabilmente non interagiranno tra loro".

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?