Navigation

Crescita economica: previsioni più pessimiste

Il rallentamento congiunturale in Svizzera si conferma per il 2008 e si acuirà nel 2009: anche la SECO, così come il KOF, ritoccano al ribasso i pronostici per l'anno prossimo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 giugno 2008 - 09:09

La Segreteria di Stato dell'economia (SECO) prevede una crescita del PIL dell'1,3% per il 2009, in calo rispetto all'1,5% stimato tre mesi fa. Dal canto suo, il KOF riduce le sue aspettative dal 2-2,1% all'1,8%.

Per l'anno in corso, il gruppo di esperti della Confederazione mantiene comunque all'1,9% la previsione di crescita, contro il 3,1% segnato nel 2007. Più ottimisti invece gli esperti del Politecnico di Zurigo, secondo cui l'incremento del Pil si attesterà al 2%.

Come gli altri analisti, anche la SECO e il KOF spiegano questo rallentamento della congiuntura con l'impennata dei prezzi delle materie prime e delle derrate alimentari e con la crisi dei mercati finanziari negli Stati Uniti.

Prima della SECO e del KOF, anche gli esperti di altri istituti hanno rivisto al ribasso le previsioni di crescita per l'anno venturo. Il BAK Basel Economics ha stimato un tasso di crescita del PIL elvetico dell'1,6%, l'Organizzazione di cooperazione e sviluppo economico (OCSE) dell'1,4%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?