Navigation

Credit Suisse corregge previsioni per 2009

Gli economisti del Credit Suisse prevedono per il 2009 una flessione dello 0,6% del Prodotto interno lordo elvetico, mentre stimano che il tasso di inflazione si attesterà allo 0,7%.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 gennaio 2009 - 11:34

La banca rivede quindi al ribasso le proprie previsioni dello scorso settembre, che calcolavano una progressione del Pil dell'1%.

L'economia reale elvetica, che sino alla fine dello scorso ottobre ha tenuto decisamente meglio di quelle della maggior parte dei paesi industrializzati, non potrà più sottrarsi alla tendenza ribassista, affermano gli economisti di Credit Suisse.

Nello scorso autunno il contesto economico è infatti peggiorato drasticamente: la crisi dei mercati finanziari si è ulteriormente ampliata, propagandosi all'economia reale.

Da novembre, in Svizzera, le commesse industriali sono improvvisamente crollate e nel 2009 la contrazione dovrebbe riguardare tutte le componenti della domanda, ad eccezione del consumo.

È l'export il settore che più direttamente risente dell'andamento negativo: le esportazioni di merci calano per effetto della recessione nei paesi di destinazione e la crisi finanziaria penalizza le esportazioni di servizi. Nel 2009, inoltre, l'apprezzamento del franco dovrebbe dare filo da torcere al turismo.

Le previsioni del Credit Suisse sono comunque più ottimiste di quelle della Segreteria di Stato dell'economia (-0,8% del Pil) e dell'UBS (-0,9%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?