Navigation

Calo dell'utile per Swiss Re

Nonostante la crisi negli USA il risultato di Swiss Re supera le previsioni degli analisti Keystone

La crisi ipotecaria negli Stati Uniti si è ripercossa anche sulle cifre del gruppo riassicurativo più grande del mondo: nel 2007 l'utile netto è sceso del 9%.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 febbraio 2008 - 08:55

Swiss Re può ciò nonostante contare su un utile netto di 4,2 miliardi di franchi, il secondo miglior risultato dei suoi 144 anni di storia. In crescita invece di sette punti il volume dei premi.

La crisi dei mutui ipotecari non ha toccato soltanto le grandi banche elvetiche (UBS e Credit Suisse), ma pure il principale riassicuratore al mondo.

Swiss Re ha annunciato venerdì di aver realizzato nel 2007 un utile netto di 4,2 miliardi di franchi, in calo del 9% rispetto al 2006. Un risultato influenzato negativamente dalle perdite registrate nel quarto trimestre, che supera ad ogni modo le aspettative degli analisti.

Nel mese di novembre, il gruppo aveva proceduto ad un ammortamento di 1,2 miliardi di franchi in relazione alla degradazione del mercato USA dei cosiddetti crediti subprime. Questo non ha tuttavia avuto alcuna influenza fondamentale sui risultati, sostiene Swiss Re.

Come precisa in una nota il presidente della direzione, Jacques Aigrain, si tratta in effetti del secondo miglior risultato dei 144 anni di storia del gruppo.

Premi in aumento

La società svizzera ha visto aumentare il volume dei premi incassati, cresciuti del 7,3% a 31,7 miliardi. La combined ratio, ossia il rapporto tra i costi dei sinistri e i premi incassati, è leggermente peggiorata passando dal 90 al 90,2% (gli analisti si attendevano 93%).

Tendenza al rialzo anche per i vari settori assicurativi, da quello vita alla responsabilità civile. Il ramo Property & Casuality ha registrato la migliore prestazione di sempre (5,9 miliardi), mentre il settore Life & Health ha potuto ulteriormente rafforzare la sua già forte posizione (+76% a 2,7 miliardi), segnala Swiss Re.

Futuro difficile

Il consiglio di amministrazione proporrà all'assemblea generale del 18 aprile il versamento di un dividendo di 4,0 franchi per azione (3,40 lo scorso anno).

Per l'esercizio in corso, Swiss Re prevede condizioni di mercato difficili, ma conferma l'obiettivo a lunga scadenza di un aumento dell'utile per azione del 10%.

swissinfo e agenzie

In breve

La riassicurazione consiste essenzialmente nell'assicurare altre società assicurative.

Swiss Re assicura gran parte dei rischi molto elevati delle altre compagnie. Il suo principale rivale è la tedesca Munich Re.

Oltre ad essere uno dei leader mondiali in questo settore, la Swiss Re è pure il numero uno nelle riassicurazioni vita.

Il gruppo è stato fondato a Zurigo nel 1863 in seguito a un grande incendio che ha devastato la città di Glarona.

End of insertion

Fatti e cifre

Volume dei premi nel 2007: 31,7 miliardi di franchi (+7,3%)
Risultato ante imposte: 5,19 miliardi (-11,4%).
Rendimento netto del capitale: 10,69 miliardi (+33,8%).
Utile netto: 4,2 miliardi (-9%).

End of insertion
swissinfo.ch

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?