Navigation

Burkhalter: politica ed economia avanti insieme

Il consigliere federale Didier Burkhalter ha aperto ufficialmente la muba 2010 di Basilea. Alla più importante fiera svizzera, Burkhalter ha invitato il mondo economico e quello politico a remare nella stessa direzione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 febbraio 2010 - 15:59

«In un momento in cui la Svizzera subisce una forte pressione dall'estero e si aprono in continuazione nuovi fronti, non possiamo permetterci di essere divisi sulle questioni strategiche», ha affermato Didier Burkhalter.

La Svizzera – ha spiegato il ministro degli interni – è più forte di quanto si pensi. Lo dimostrano, ad esempio, i rapporti dell'OCSE. Istituzioni stabili e un'economia solida hanno permesso al paese di resistere alla crisi. La stabilità non deve però trasformarsi in paralisi. Chi si ferma, regredisce – ha aggiunto Burkhalter – per avanzare servono delle riforme.

Per il consigliere federale, i cittadini si aspettano soluzioni costruttive dal mondo politico ed economico. Per essere credibili, è necessario unire le forze.

Fiera dei superlativi

Alla 94esima edizione della muba, la più importante fiera svizzera, sono presenti 930 espositori, soprattutto svizzeri, con prodotti e servizi di vario genere. La fiera chiuderà i battenti il 14 febbraio.

La regione ospite di quest'anno è il canton Lucerna. I settori di presentazione sono suddivisi in: abitare, casa, costruire, giardino, salute, sport, mangiare e bere, viaggiare e cultura, multimedia nonché moda. Ci sono poi esposizioni particolari per il design di interni e mobili, migrazioni, moda e «invecchiare».

Parallelamente alla muba, dal 5 al 7 febbraio si svolge anche la fiera delle vacanze e, dall'11 al 14, quella della bicicletta «twoo» e quella dello sviluppo sostenibile «Natur 5/10». L'anno scorso la muba è stata visitata da 300'000 persone.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?