Navigation

Dieci anni di grafica dei volantini in mostra al Museo delle arti applicate di Zurigo

Markus P. Kenner, soprannominato Punky, uno dei grafici di maggior successo a Zurigo nella realizzazione dei flyer Keystone

Circa 600 «flyer», i volantini-invito per i party più o meno illegali organizzati a Zurigo dalla fine degli Anni Ottanta, riuniti in una mostra intitolata «Follow the Signs» al Museo delle arti applicate della città sulla Limmat fino al 22 ottobre.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 luglio 2000 - 21:21

L'esposizione, visitabile fino al 22 ottobre, ritraccia l'evoluzione negli ultimi dieci anni della cultura musicale e dei club zurighesi: dai primi bar e discoteche illegali, al «riciclaggio» di spazi industriali in disuso, fino alla Street Parade ed ai nuovi locali alla moda dei nostri giorni.

I cosiddetti «party-flyer» rappresentano «una nuova categoria di strumenti pubblicitari», scrive il curatore Claude Liechtenstein nel testo di presentazione della mostra.

Distribuiti personalmente o alle casse dei negozi alla moda, essi sono stati utilizzati dagli organizzatori di eventi, non tanto per raggiungere il più vasto pubblico possibile, ma «il pubblico giusto» a seconda delle preferenze musicali.

A Zurigo è così nata una nuova cultura, che si è diffusa e ha trovato riconoscimento ben aldilà dei confini cantonali o nazionali.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?